Serie A

Quanto guadagnano i club di Serie A (2021-22) grazie agli sponsor commerciali presenti sulle maglie?

Marco Deiana
I guadagni dagli sponsor commerciali (sulle maglie) in Serie A
I guadagni dagli sponsor commerciali (sulle maglie) in Serie A / 90min Italia
facebooktwitterreddit

Il giro d'affari è di circa 190 milioni di euro. Questo vale, ad oggi (10 settembre 2021, ndr), il mercato degli sponsor commerciali sulle maglie delle 20 squadre di Serie A. Ma al contrario di quanto si possa pensare, non è un mercato dominato dalle big. Anzi, ad eccezione della Juventus - fuori categoria, come per gli sponsor tecnici -, ci sono club di medio livello che incassano più soldi delle cosiddette big.

Sponsor commerciali Serie A: quanti spazi sono disponibili?

Prima di snocciolare cifre più dettagliate e nomi di aziende che investono nel mondo del calcio italiano, partiamo dalle basi. Ogni club di Serie A ha a disposizione quattro spazi dedicati agli sponsor commerciali da inserire nella maglia ufficiale di gara.

C'è il main sponsor, che è la partnership principale di ogni club di Serie A che trova spazio al centro della maglia. Poi troviamo il second sponsor presente sempre sulla parte frontale della maglia, quasi sempre sotto al main sponsor. Proseguendo c'è uno spazio dedicato al retro sponsor, posizionato sotto al numero di maglia dei giocatori ed infine lo sponsor di manica, che trova collocazione nella manica sinistra.

Quanti club di Serie A sfruttano tutti gli spazi sulla maglia?

Per ora sono solamente cinque le società di Serie A a sfruttare tutti i quattro spazi commerciali presenti sulla maglia di gioco ufficiale. Si tratta di Atalanta, Bologna, Cagliari, Empoli e Torino.

Cinque sono invece i club che non hanno accordi né come main sponsor né come second sponsor. La parte frontale delle loro maglie è totalmente pulita. Le squadre in questione sono Genoa, Lazio, Salernitana

Ci sono club, come lo Spezia, che mantiene la maglia pulita, senza neanche l'ombra di uno sponsor. Il club ligure, insieme a Salernitana, Lazio e Genoa, Venezia e Spezia. Quest'ultima - per ora - non ha sfruttato neanche uno spazio commerciale sulla propria maglia.

Appena sei società invece hanno trovato accordi di partnership per occupare lo spazio dedicato al second sponsor. La situazione migliora invece con lo sponsor di manica e il retro sponsor, sfruttati rispettivamente da 13 e 15 club di Serie A.

L'elenco degli sponsor commerciali nelle maglie dei club di Serie A (2021-22)

  • Atalanta: Plus500 (main sponsor), Radici Group (second sponsor), Gewiss (retro sponsor), AutoMHA (sponsor di manica)
  • Bologna: Facile Ristrutturare (main sponsor), Selenella (second sponsor), Illumia (retro sponsor), Scala (sponsor di manica)
  • Cagliari: Isola Artigianato di Sardegna (main sponsor), Tiscali (second sponsor), Ichnuca (retro sponsor), Arborea (sponsor di manica)
  • Empoli: Computer Gross (main sponsor), Samontana (second sponsor), Pedriatrica (retro sponsor), Contrader (sponsor di manica)
  • Fiorentina: Mediacom (main sponsor), Prima (retro sponsor), Estra (sponsor di manica)
  • Genoa: LeasePlan (retro sponsor)
  • Hellas Verona: Sinergy (main sponsor), Vetrocar (retro sponsor), Restructure (sponsor di manica)
  • Inter: Socios (main sponsor), Lenovo (retro sponsor), DigitalBits (sponsor di manica)
  • Juventus: Jeep (main sponsor), Cygames (retro sponsor)
  • Lazio: Frecciarossa (sponsor di manica)
  • Milan: Emirates (main sponsor), BitMEX (sponsor di manica)
  • Napoli: Lete (main sponsor), MSC (second sponsor), Amazon (sponsor di manica)
  • Roma: DigitalBits (main sponsor), Hyundai (retro sponsor)
  • Salernitana: Distretti Ecologici (retro sponsor)
  • Sampdoria: Banca Ifis (main sponsor), IBSA (retro sponsor)
  • Sassuolo: Mapei (main sponsor)
  • Spezia: -
  • Torino: Suzuki (main sponsor), Beretta (second sponsor), Edilizia Acrobatica (retro sponsor), N.38 Wuber (sponsor di manica)
  • Udinese: Dacia (main sponsor), BluEnergy (retro sponsor), Prosciutto San Daniele (sponsor di manica)
  • Venezia: DR (retro sponsor), Becher (sponsor di manica)

Quanto guadagnano i club di Serie A dagli sponsor commerciali presenti sulla maglia

La società di Serie A che incassa più soldi dalle partnership commerciali legate alla maglia è la Juventus: la società bianconera con due soli sponsor incassa 52 milioni di euro, un quarto del giro d'affare totale dell'intero campionato. Grazie al recente accordo con DigitalBits (in una partnership molto più ampia, da oltre 80 milioni di euro in quattro anno), l'Inter si avvicina sensibilmente ai rivali juventini. Il club nerazzurro supera di poco quota 30 milioni di euro l'anno.

I cugini del Milan invece non raggiungono neanche la metà degli incassi dei nerazzurri. Con Emirates e BitMEX i rossoneri portano a casa 13 milioni l'anno. Meglio di loro la Roma con i 15 milioni di euro a stagione. Il Napoli invece non va oltre gli 11 milioni di euro.

Tra le big, oltre alla Lazio che incassa appena un milione di euro l'anno grazie allo sponsor (di manica) Frecciarossa, possiamo inserire anche l'Atalanta, ormai una realtà del calcio italiano. Le cifre incassate dalla Dea sono lontanissime dalle prime della classe, soprattutto se consideriamo che hanno già occupato tutti i quattro spazi a disposizione. I bergamaschi nella stagione 2021-22 guadagneranno circa 6,2 milioni di euro.

I due casi "speciali" della Serie A

C'è chi sfrutta le aziende di famiglia per incrementare gli incassi derivanti dagli sponsor commerciali. È il caso di Fiorentina e Sassuolo, che in una ipotetica classifica di guadagno si posizionano al terzo e quarto posto.

La Fiorentina da questo mercato incassa 26,1 milioni di euro. In questa cifra è compresa quella che Mediacom (azienda in mano a Rocco Commisso) versa nelle casse viola: 25 milioni di euro. Discorso simile per il Sassuolo che ha come main sponsor Mapei, l'azienda della famiglia Squinzi, proprietaria anche del club emiliano. I neroverdi intascano 18 milioni di euro da questa partnership tutta in famiglia.

Le altre società

C'è abbastanza equilibrio tra le altre undici società di Serie A. A parte lo Spezia, che avendo la maglia ancora pulita non incassa neanche un centesimo da questo tipo di mercato.

Il Torino dai quattro sponsor presenti sulla sua maglia porta a casa 3,6 milioni l'anno. Anche Cagliari e Bologna hanno tutti gli slot occupati e guadagnano rispettivamente 3,1 e 3 milioni di euro a stagione.

Sopra il milione di euro di guadagno dagli sponsor commerciali troviamo Empoli (1,3 milioni di euro), Hellas Verona (1,6 milioni di euro) e Udinese (1,4 milioni di euro). Si ferma invece ad un milione (come la Lazio, citata poco sopra) l'incasso della Sampdoria.

Ed infine troviamo Venezia e Genoa che mettono in cassa rispettivamente 800mila e 700mila euro, ma con ancora diversi spazi commerciali liberi sulla maglia (come diverse società di Serie A, come già visto prima).

Le cifre degli sponsor commerciali in Serie A

  • Atalanta: 6,2 milioni di euro
  • Bologna: 3 milioni di euro
  • Cagliari: 3,1 milioni di euro
  • Empoli: 1,3 milioni di euro
  • Fiorentina: 26,1 milioni di euro
  • Genoa: 0,8 milioni di euro
  • Hellas Verona: 1,6 milioni di euro
  • Inter: 31 milioni di euro
  • Juventus: 52 milioni di euro
  • Lazio: 1 milione di euro
  • Milan: 13 milioni di euro
  • Napoli: 11 milioni di euro
  • Roma: 15 milioni di euro
  • Salernitana: n.d.
  • Sampdoria: 1 milione di euro
  • Sassuolo: 18 milioni di euro
  • Spezia: -
  • Torino: 3,6 milioni di euro
  • Udinese: 1,4 milioni di euro
  • Venezia: 0,7 milioni di euro

Seguimi su Telegram per altri approfondimento sul calcio legato al marketing.

facebooktwitterreddit