Storie di sponsor nel calcio: il mondo Volkswagen tra proprietà, partnership e rapporti con le Federazioni

Marco Deiana
Storie di Sponsor: il mondo Volkswagen
Storie di Sponsor: il mondo Volkswagen / 90min Italia
facebooktwitterreddit

Ci spostiamo da una casa automobilistica all'altra. Dopo aver parlato del modello Opel legato al calcio, questa volta parliamo di Volkswagen. L'azienda tedesca ha investito parecchi milioni di euro nel mondo del pallone, rivoluzionando e creando una sorta di eccezione in Bundesliga con la proprietà del Wolfsburg. In Germania infatti la quota di maggioranza di un club deve essere in mano ai tifosi, mentre il club tedesco è in mano a Volkswagen. Per ottenere il 100% la casa automobilistica tedesca ha dovuto ottenere l'ok dei soci e il cambio di regolamento, con la postilla che "in caso di sponsorizzazione di 20 o più anni, uno sponsor può ottenere la proprietà di una società".

Ma la Volkswagen ha (e ha avuto) le mani anche fuori dalla Germania, con diverse partnership sia a livello di club che di competizioni. Le aziende sono attirate dalle sponsorizzazioni nel mondo del calcio e l'azienda automobilistica tedesca - soprattutto negli anni 2000 - non è da meno.

Le proprietà e i legami con i club tedeschi

Il mercato principale di Volkswagen è sicuramente la Germania. E non potrebbe essere diversamente, vista la sede della fondazione del gruppo automobilistico. Come già accennato poco sopra, Volkswagen ha in mano il 100% del Wolfsburg, squadra della città dove ha sede la stessa azienda. Un connubio perfetto, che ha permesso al club tedesco di migliorare la propria posizione all'interno del campionato, vincendo anche la Bundesliga nel 2009. Oltretutto la stessa Volkswagen ha dato il proprio nome all'impianto casalingo della squadra teutonica.

Xaver Schlager
La squadra del Wolfsburg / Christian Kaspar-Bartke/Getty Images

Il gruppo Volkswagen, tramite Audi, è dentro il Consigli di Amministrazione di Bayern Monaco e Ingolstadt, avendo la proprietà rispettivamente (circa) del 10% e 20%.

Per quanto riguarda invece semplici accordi di sponsorizzazione, Volkswagen è stato premium partner dello Schalke 04 e sponsor di maglia (tramite il motto Think Blue) del Monaco 1980 fino al 2016. Entrambe le partnership - da circa 1 milione di euro l'anno a testa - sono state interrotte a causa dello scandalo sulle emissioni che colpì la casa automobilistica. In quello stesso periodo il gruppo tedesco, in vario modo, aveva le mani - così come riportato su un articolo de LaStampa del 2016 - su almeno 20 club su 36 tra Bundesliga e Bundesliga 2 (prima e seconda divisione tedesca) e ha dovuto abbattere i costi di sponsorizzazione nel mondo del calcio.

Tra i club in mano al marchio d'auto figurano anche Hannover 96 e Werder Brema, che hanno visto concludere il proprio rapporto con Volkswagen - invece - nell'estate 2020. Entrambi i club da questa partnership incassavano poco più di un milione di euro a testa.

Altre sponsorizzazioni con club non tedeschi

Volkswagen ha legato il proprio brand anche con club non tedeschi. In Italia per esempio è stato marchio ufficiale per il trasporto dei calciatori del Chievo Verona. Nel 2009 ha firmato un contratto annuale come partner automotive del Napoli. Tre anni dopo invece è stato sponsor (non di maglia) per una stagione della Roma. Per chiudere il cerchio dei club italiani, nella stagione 2014-15 è stato partner istituzionale (con flotta auto messa a disposizione della società) della Fiorentina. La Viola ha disputato una sola partita con il logo (contro l'Inter) della casa automobilistica tedesca nella maglia.

Nenad Tomovic
La Fiorentina nell'unico match disputato con il logo Volkswagen nella maglia / Tullio M. Puglia/Getty Images

In Spagna invece Volkswagen è stato premium sponsor dell'Atletico Madrid e ha avuto una partnership per due stagioni (dal 2015 al 2017) del Valencia, fornendo al club spagnolo le auto per i giocatori e il personale, oltre ad apparire nei cartelloni dello stadio Mestalla e del centro sportivo della società spagnola.

Infine la casa automobilistica tedesca è stata premium sponsor (con il logo presente nella manica della maglia) del Basilea nel 2014 e sponsor di maglia dell'Al Hilal (squadra dell'Arabia Saudita) dal 2014 al 2019.

Volkswagen sponsor delle nazionali e UEFA

Non solo club ma anche nazionali. Volkswagen ha avuto una partnership con l'Italia nell'anno del Mondiale vinto in Germania. Mentre con Francia, Germania e Svizzera c'è un accordo globale che coinvolge sia la nazionale che alcune competizioni a livello federale.

Le competizioni legate a Volkswagen

Con Francia e Svizzera c'è una partnership di lungo corso, nata nel 2014. Se con gli svizzeri l'accordo prevede l'organizzazione di tornei a livello giovanile; il matrimonio con i francesi è legato (oltre a livello di nazionale, come già detto poco sopra) alla Coppa di Francia e in totale frutta nelle casse della federazione transalpina circa 4 milioni di euro l'anno.

E poi troviamo probabilmente una delle sponsorizzazioni più importanti di Volkswagen. Il marchio tedesco dal 2019 infatti è sponsor principale della federazione tedesca (sostituendo Mercedes) con un investimento da 25-30 milioni di euro l'anno. L'accordo comprende anche la partnership della Coppa di Germania (che è iniziata già dal 2012).

Le partnership con UEFA

Come se non bastasse, Volkswagen ha anche un accordo con la UEFA ed è sponsor delle competizioni delle nazionali dal 2018 al 2022. Quindi il marchio automobilistico tedesco ha seguito e seguirà da vicino le qualificazioni a Euro 2020, Euro 2020 (diventato 2021), la Nations League, gli Europei Under 21, oltre all'Europeo Femminile e di Futsal.

Virginia Raggi
Volkswagen: official mobility partner di Euro 2020 / Paolo Bruno/Getty Images

LEGGI ANCHE

facebooktwitterreddit