Juve, Paratici: "Sarri? Avevamo già deciso. Pirlo convincente, un predestinato"

Giornata più che mai movimentata in casa Juventus, oggi ha avuto luogo il clamoroso avvicendamento Sarri-Pirlo in panchina. Fabio Paratici, direttore sportivo bianconero, ha parlato a Sky Sport soffermandosi sulla giornata bianconera:

Andrea Pirlo
Andrea Pirlo Announces His Farewell Match | Marco Luzzani/Getty Images

L'esonero di Sarri e l'arrivo di Pirlo: "Avevamo già fatto le nostre valutazioni, sono frutto di una stagione. La decisione è molto naturale, juventina, lui è stato da noi ed è sempre stato in contatto con noi. Pensiamo che possa essere un predestinato. Lui vuole fare l'allenatore come faceva il calciatore, con qualità e applicazione. Si tratta di proporre un gioco di un certo tipo, lo abbiamo seguito ed è stato convincente al di là del fatto che le persone spesso contano più del professionista".

Il momento della Juve: "Nessuno ha mai avuto un ciclo così lungo, siamo in un territorio inesplorato. I cicli in genere durano 3 o 4 anni, abbiamo fatto due finali di Champions con squadre molto diverse tra loro. Anche al Bayern e al City si parla di stagioni fallimentari, le grandi squadre sono legate a giudizi troppo veloci. Una Champions è fatta anche di episodi, pensiamo agli assenti l'anno scorso con l'Ajax".

Le voci di addio per andare alla Roma: "Difendere me stesso mi sembra difficile, visto che lo ha fatto il presidente mi sembrava difficile ribaltare tutto alle 14. Bisogna rispettare tutti e la Roma è importante, io sto bene qui e ho un rapporto non solo professionale".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A!