Juventus

Dybala si ferma ancora: il ruolo dei troppi stop in sede di rinnovo

Matteo Baldini
Paulo Dybala
Paulo Dybala / Nicolò Campo/GettyImages
facebooktwitterreddit

Dall'idillio ritrovato con l'Allianz a un nuovo stop, uno dei tanti di questa stagione, il percorso di Paulo Dybala nella Juventus 2021/2022 si sta confermando più che mai accidentato, proprio nel momento che dovrebbe in realtà rivelarsi decisivo per le trattative in ottica rinnovo contrattuale.

Oggi Allegri ha ribadito che la Joya sarà ancora out per un problema al flessore, anche con lo Spezia, nonostante il timido ottimismo che filtrava nei giorni scorsi: si tratta del sesto stop stagionale, infortuni non particolarmente gravi ma che turbano l'ambiente e che portano con sé una sorta di giallo.

Paulo Dybala, Massimiliano Allegri
Allegri e Dybala / Jonathan Moscrop/GettyImages

Lo stesso tecnico bianconero ha spiegato come i dubbi sulla natura del problema siano molteplici, tanto da dover valutare il tutto con attenzione, in collaborazione con lo staff medico, e da tirare in ballo persino una componente psicologica (così come per altri problemi sorti di recente).

Un aspetto che va a braccetto, adesso, con le reazioni di una parte della tifoseria: c'è chi, in sostanza, sottolinea come la fragilità del giocatore non possa renderlo una pedina così centrale nelle logiche bianconere, soprattutto proiettandosi verso il futuro. Tutti elementi che, insieme alle cifre notoriamente al ribasso del rinnovo che i bianconeri offriranno al giocatore, potrebbero avvicinare lo stesso a un futuro lontano dalla Juventus.

Paulo Dybala
Dybala a terra / Ciancaphoto Studio/GettyImages

In questa stagione Dybala è riuscito a raccogliere 27 presenze, 12 gol e 6 assist tra tutte le competizioni, numeri comunque importanti ma che hanno come contraltare altrettanto evidente l'insieme di stop con cui l'argentino ha dovuto fare i conti, con 10 partite saltate per problemi fisici tra campionato, Coppa Italia e Champions.

Una serie di problemi muscolari che non hanno mai comportato stop più lunghi di un mese ma che, al contempo, ne hanno minato la continuità. Problemi fisici che trovano una eco ancor più rumorosa nelle parole di Allegri e in quel suo "a saperlo avremmo già risolto" che non lascia intendere sviluppi incoraggianti a breve termine. Se il tema tecnico in assoluto non permette di dubitare del livello di Dybala, del suo potenziale ruolo da protagonista, diventa evidente come - in fase di trattativa - la Juve possa mettere sul tavolo anche una continuità ormai dimenticata.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit