Champions League

La difficoltà delle possibili avversarie di Juve e Inter agli ottavi di Champions

Matteo Baldini
Champions League
Champions League / FRANCK FIFE/GettyImages
facebooktwitterreddit

Dopo la fine della fase a gironi della Champions League le due italiane rimaste in corsa, Juventus e Inter, conosceranno oggi l'avversaria con cui dovranno vedersela agli ottavi di finale in programma tra il 15 e il 23 febbraio (andata) e tra l'8 e il 16 marzo (ritorno).

Le urne del sorteggio di Nyon prevedono la presenza delle 16 squadre suddivise tra teste di serie e non teste di serie, in base al passaggio del turno come prima o seconda del girone, Juventus e Inter si troveranno dunque nelle due diverse urne ma non potranno ovviamente essere sorteggiate l'una contro l'altra: agli ottavi non possono infatti sfidarsi squadre della stessa federazione. Al contempo l'Inter non potrà vedersela col Real Madrid e la Juve col Chelsea, avendole già affrontate nella fase a gironi.

FBL-EUR-C1-DRAW
I sorteggi / FABRICE COFFRINI/GettyImages

Le possibili avversarie di Juve e Inter

La Juve potrebbe dunque trovare sulla propria squadra: Atletico Madrid, Benfica, PSG, Salisburgo, Sporting Lisbona e Villarreal.

L'Inter dal canto proprio potrebbe sfidare: Ajax, Bayern Monaco, Lille, Liverpool, Manchester City e Manchester United.

La difficoltà delle avversarie della Juve

Kylian Mbappe, Lionel Messi
Messi e Mbappé / Catherine Steenkeste/GettyImages

Paris Saint Germain *****

Anche qualificandosi come prima del girone esiste uno spauracchio non da poco, il PSG di Pochettino. Il ruolino di marcia in Ligue 1 è impressionante e il potenziale offensivo (Mbappé, Messi, Neymar) non può che spaventare i bianconeri, l'obiettivo dichiarato del club francese del resto è quello di conquistare finalmente la Champions come coronamento di un percorso che, fin qui, è arrivato al massimo alla finale.

Atletico Madrid ****

Una squadra dal tasso tecnico diverso da quello del PSG e certo non associata a un gioco spettacolare ma, al contempo, un'avversaria sempre difficile da affrontare, tra le più ostiche in assoluto. Dopo il titolo dello scorso anno il percorso nella Liga è meno convincente, anche in Champions il passaggio del turno non è stato così limpido (come sa bene il Milan) ma si tratta del più classico avversario-trappola, con la solita dose di garra e carica agonistica.

Benfica ***

Un gradino più sotto troviamo il Benfica, formazione che in campionato al momento è dietro sia al Porto che allo Sporting CP (altra potenziale avversaria della Juve) ma che possiede senz'altro elementi da non prendere sottogamba. Squadra con fondamenta esperte e con un elemento come Darwin Nunez, esploso a tutti gli effetti e più che mai prolifico tra Liga portoghese e Champions.

Villarreal ***

Nella Liga il rendimento del Sottomarino giallo è stato fin qui inferiore alle attese, tredicesimo posto a ben 10 punti dalla quarta piazza occupata dall'Atletico Madrid. Sottovalutare la squadra di Emery può essere però pericoloso, come l'Atalanta ha scoperto a sue spese nel girone di Champions: il successo in Europa League della scorsa stagione e la presenza di Emery in panchina, di per sé, assegnano un credito speciale quando si tratta di competizioni internazionali.

Salisburgo **

La formazione austriaca è arrivata a un solo punto dal primo posto del Lille, in un girone che sulla carta si prospettava come il più bilanciato verso il basso, senza cioè big assolute. La squadra della galassia Red Bull, che domina in campionato in patria, può contare sulla giovane stella Adeyemi, uomo mercato nel mirino delle big europee.

Sporting Lisbona **

Lo Sporting è fin qui imbattuto nel campionato portoghese ed è riuscito a eliminare il Borussia Dortmund dalla Champions, ingredienti che certo non possono lasciare del tutto tranquilla la prossima avversaria dei portoghesi, al di là di una rosa che presenta probabilmente minori insidie rispetto ad altre rivali che l'urna potrebbe riservare.

La difficoltà delle possibili avversarie dell'Inter

Robert Lewandowski
Robert Lewandowski / Sebastian Widmann/GettyImages

Manchester City *****

Nel caso dell'Inter il gruppo dei potenziali ostacoli è di tenore diverso e più minaccioso, si parte col City di Guardiola, finalista dell'ultima edizione di Champions e attuale capolista in Premier League. I Citizens si sono qualificati come primi nel gruppo A, sopravanzando il PSG, e appaiono sulla carta tra i favoriti per il successo finale.

Bayern Monaco *****

Il Bayern Monaco vuole riscattarsi dopo l'edizione scorsa (eliminato ai quarti dal PSG) e ha tutte le carte in regola per farcela. Al di là del consueto primato in Bundesliga si sottolinea il passaggio della fase a gironi con un percorso netto, 6 vittorie su 6 partite disputate, con 22 gol fatti e appena 3 subiti.

Liverpool ****

I Reds di Klopp hanno passato come primi il girone che vedeva coinvolto anche il Milan, battuto dal Liverpool sia all'andata che al ritorno (nonostante il turnover). Altra squadra che può puntare ad andare avanti nella competizione, anche i Reds come il Bayern hanno passato il turno con una serie di 6 successi su 6 partite.

Manchester United ***

Lo United, passato ora in mano a Rangnick, ha dimostrato di saper tirare fuori qualcosa in più sul palcoscenico europeo, forte di una garanzia come CR7 in grado di esaltarsi nelle notti di Champions (6 gol in 5 partite fin qui). Globalmente potrebbe spaventare meno delle tre squadre già citate ma la variabile Ronaldo gioca un suo ruolo importante.

Ajax ***

Esempio unico di come una squadra possa costruire un'identità nel tempo, anche cedendo pezzi pregiati e reinventandosi, e riferimento unico a livello di dialogo tra giovanili e prima squadra. Il rendimento in Champions sorprende, con 6 vittorie su 6 partite, così come sorprendono i numeri incredibili di Haller, con 10 gol in 6 partite

Lille **

Squadra sulla carta meno minacciosa delle altre presenti nell'urna delle teste di serie, ha avuto la meglio nel girone che sulla carta si prospettava come più povero. Presenta certo insidie da cui guardarsi, al netto però dei possibili movimenti di mercato (vedi Ikoné) che potrebbero condizionare la squadra a gennaio. Il rendimento nella Liga, dopo il titolo dello scorso anno, è stato fin qui deludente.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit