10 anni di 90min

Com'era la Juventus nella stagione 2011/12

Matteo Baldini
La Juventus di una decade fa
La Juventus di una decade fa / 90min
facebooktwitterreddit

Quante volte, nel raccontare un percorso calcistico spesso virtuoso, si ricorre all'espressione "ciclo"? Del resto la parola consegna in modo chiaro più che mai la natura anche ondivaga del pallone, i capricci che vedono nel tempo una squadra soccombere e poi risorgere, fallire per poi risalire e dare vita così a un'andatura circolare.

Un ciclo può essere vissuto anche, narrativamente, come dotato di ciò che in genere spetta a una sceneggiatura o comunque a una struttura studiata a tavolino: ripensando alla stagione 2011/12 della Juventus, riflettendoci in un senso di racconto, potremmo dunque parlare a pieno titolo di svolta, di un input così potente da avviare appunto un ciclo di successi durato da quell'anno fino al 2019/20, fatto di ben nove Scudetti consecutivi messi in bacheca.

FBL-ITA-SERIEA-FIORENTINA-JUVENTUS
Un nuovo ciclo / AFP/GettyImages

L'anno della svolta

Le radici della svolta in questione partono però da più lontano, già dall'anno precedente: l'inizio della presidenza di Andrea Agnelli coincise, in vista della stagione 2010/11, con un'accelerata decisiva sul fronte Juventus Stadium e con un ribaltone dirigenziale, tale da avviare l'era Marotta-Paratici e da porre le basi per le grandi stagioni che si sarebbero poi susseguite.

Dopo una prima stagione di assestamento, con Delneri alla guida e con un settimo posto in Serie A, i bianconeri operarono senz'altro una scelta felice quanto coraggiosa (certo una delle più riuscite) andando a puntare su Antonio Conte: ex capitano, idolo di casa e pronto per la grande occasione in una big dopo aver già collezionato due promozioni in A, con Bari e Siena, e dopo una breve parentesi all'Atalanta in massima serie. La tempesta perfetta: l'inaugurazione di un nuovo stadio che elevi l'esperienza del tifoso, l'operato di nuovi uomini mercato e l'arrivo di un tecnico emergente ma già profondamente legato alla piazza.

Antonio Conte
Conte riporta lo Scudetto / ALBERTO PIZZOLI/GettyImages

Conte: impatto devastante

Già osservando gli acquisti effettuati nel mercato estivo, in vista della stagione 2011/12, si può apprezzare l'impatto di Marotta e Paratici e la loro lungimiranza: elementi come Andrea Pirlo (a parametro zero) e Arturo Vidal, in particolare, si rivelarono poi decisivi per quella stagione e per le successive, per mandare avanti la prima parte del ciclo vincente, componendo con Marchisio un centrocampo con pochi eguali nel panorama di quella Serie A.

Già a Siena Conte si era parzialmente svincolato dall'etichetta di integralista del 4-2-4. filo conduttore dei suoi primi anni in panchina, e alla Juve il tecnico riuscì più che mai ad esaltare con le proprie scelte le caratteristiche dei giocatori a disposizione, prima col 4-3-3 e poi col 3-5-2, rivelandosi anche capace di sopperire alla (criticata) assenza di un bomber prolifico e mandando in gol più giocatori, anche a centrocampo (9 gol per Marchisio, 7 per Vidal, 3 per Pirlo). Non mancano altri dati che riescano a dare l'idea dell'impatto di Conte sulla Juve, i bianconeri conquistarono il titolo già al primo anno con lo stesso Conte in panchina e lo fecero senza perdere neanche una partita, con un record complessivo di 23 vittorie e 15 pareggi, rivelandosi anche la miglior difesa del campionato con appena 20 gol subiti.

Arturo Vidal
Esulta Vidal / Valerio Pennicino/GettyImages

Numeri che fanno capire anche quanto fosse decisivo il ruolo della cerniera difensiva Barzagli, Bonucci, Chiellini e dei un'istituzione come Gigi Buffon in porta. Non solo solidità difensiva però: la presenza di Pirlo a metà campo diede senz'altro un contributo importante a livello di possesso, con percentuali impressionanti e spesso superiori al 60%, per certi versi sorprendenti pensando a fasi successive della carriera di Conte.

Era una Juventus dominante, capace di avere la meglio sul Milan campione in carica e di dare vita a un finale di stagione eccezionale (10 vittorie nelle ultime 11) e di lasciarsi così alle spalle un mese ricco di pareggi deludenti (contro Parma, Siena, Bologna, Chievo e Genoa oltre che nello scontro diretto col Milan). Si trattò del primo di nove Scudetti consecutivi, del primo dei tre vinti da Conte sulla panchina bianconera, e di un punto di non ritorno nella recente storia del calcio italiano: era a tutti gli effetti la nascita di una squadra capace di segnare un decennio, con un tecnico che ha fatto della mentalità vincente e dell'innata incapacità di accontentarsi la sua cifra stilistica.

Come giocava la Juve

Pensando strettamente alle faccende di campo, entrando nel dettaglio di quella Juve in grado di aprire un ciclo e di spazzare via anni a dir poco difficili, è necessario riflettere sul passaggio di Conte da presunto integralista del 4-2-4 a tecnico versatile, capace di comprendere le qualità dei giocatori e di esaltarle attraverso un modulo congeniale.

Per passare dal 4-4-2 al 4-3-3 fu decisivo l'impatto di Vidal, impossibile da lasciare fuori: l'ingresso del cileno portò la Juve a giocare con Buffon in porta, difesa a quattro con Lichtesteiner, Barzagli, Bonucci e Chiellini (come terzino sinistro), a metà campo inamovibili Vidal, Pirlo e Marchisio e, in avanti, Pepe e Vucinic a supporto di Matri.

Leonardo Bonucci, Andrea Barzagli, Giorgio Chiellini, Edinson Cavani
La BBC / Marco Luzzani/GettyImages

Un'altra tappa meritevole di nota, pensando poi anche allo sviluppo di Conte come allenatore, fu il passaggio al 3-5-2 visto da novembre 2011, modulo alternato poi al suddetto 4-3-3 e tale da esaltare la solidità difensiva data dalla cosiddetta BBC, senza intaccare la combinazione vincente a metà campo. Nel 3-5-2 la Juve vedeva Buffon tra i pali, Barzagli, Bonucci e Chiellini in difesa, Lichtesteiner come quinto a destra, uno tra Estigarribia e De Ceglie a sinistra, Vidal, Pirlo e Marchisio in mezzo e, davanti, Vucinic a supporto di uno tra Matri, Quagliarella o Borriello.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit