Juventus

Vlahovic: "Volevo solo la Juventus. Paragone con Ibra? È ingiusto"

Alessio Eremita
Dusan Vlahovic
Dusan Vlahovic / Nicolò Campo/GettyImages
facebooktwitterreddit

Dusan Vlahovic si è raccontato ai microfoni del magazine Icon. L'attaccante serbo si è soffermato sul suo trasferimento alla Juventus e sui paragoni con i grandi campioni del calcio contemporaneo, tra cui Zlatan Ibrahimovic.

JUVENTUS - "Ho pensato in quel momento, 'Ce la farò, posso diventare un grande giocatore, non sono ancora un grande giocatore, ma sto lavorando per diventarlo. Forse il mio agente ne sa qualcosa dell'Arsenal, ma io non ho mai parlato con nessuno. Avevo solo un club in mente perché la Juventus è la Juventus. Non c’è altro da dire. E ora mi sento onorato di ricevere questa maglia. È incredibile ogni volta che la indosso. Mi identifico decisamente con il loro dna. La personalità della Juventus coincide con la mia personalità. Quando vieni qui non ti arrendi mai, combatti tutto il tempo, fai i sacrifici. Questo era sicuramente quello che stavo cercando".

PARAGONE CON IBRAHIMOVIC - "Confrontare giocatori con grandi campioni che hanno segnato 400-500 gol in carriera e che hanno vinto 20-30 titoli in carriera, è probabilmente un po' ingiusto, non mi infastidisce, ma è anche vero che quando si fanno questi paragoni, e poi si fanno uno-due errori e le aspettative sono state esaltate, allora si viene criticati. Tutti abbiamo il diritto di sbagliare; siamo tutti umani. Voglio avere la mia carriera".

Dusan Vlahovic
Dusan Vlahovic / Nicolò Campo/GettyImages

IDOLI - "Mi piace la mentalità di Michael Jordan e poi Novak Djokovic, che viene dalla Serbia ed è sicuramente il numero uno, quindi l'ho sempre ammirato. È un grande campione. Voglio saperne di più su come ha fatto certe cose. Ha una grande forza mentale per come affronta certi problemi, come può giocare sette partite di fila e superare sette ostacoli. Quando credi in te stesso, quando sei sicuro di te, nient'altro ti destabilizzerà. Devi avere questo tipo di forza mentale. E anche quando qualcosa va storto, ti aiuterà sicuramente ad affrontare i problemi. Non sono veramente allenato per questo. Penso che sia qualcosa che viene dalla tua personalità, che è davvero parte di te".

PRESSIONE - "Mi piace la pressione. Mi piacciono le grandi aspettative perché mi piace il tipo di adrenalina che provocano. Non ho mai davvero sofferto troppo per la pressione. Forse quando ero più giovane, ma non ora e tra 10 anni probabilmente mi sentirò ancora meglio. Non mi interessa molto quando le persone parlano di pressione. Mi ci dedico 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e, quando torno a casa, cosa faccio? Guardo le partite di calcio! Le guardo per divertirmi, ma anche per imparare e migliorare. Noto qualcosa, la capisco e penso: 'Avrei potuto fare questo o quello'. Mi piace passare il tempo con la mia famiglia, che è sempre stata la mia forza, e gli amici. Non mi piacciono i videogiochi, anche perché non sono molto bravo. Preferisco andare a fare una passeggiata. In passato ho avuto il tempo di leggere libri, ma non ora. Fondamentalmente mi dedico completamente al calcio e, per me, è solo l'inizio, tra l'altro. Il meglio deve ancora venire".


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit