Serie A

Vlahovic lo fa ancora, Milik segna all'esordio, tre punti per la Juventus

Francesco Castorani
Juventus v Spezia Calcio - Serie A
Juventus v Spezia Calcio - Serie A / Stefano Guidi/GettyImages
facebooktwitterreddit

Allo Stadium la Juventus gioca la sua seconda gara consecutiva in casa dopo l'ottima prestazione contro la Roma di José Mourinho. Allegri contro Gotti in uno scontro tra bianconeri. Il tecnico toscano conferma il 4-3-3, mentre l'allenatore ex Udinese porta in campo uno Spezia schierato con il 3-5-2. I bianconeri non sbagliano e tornano a ottenere i tre punti dopo la prima giornata grazie alla fantastica punizione di Dusan Vlahovic e al raddoppio nel finale di Milik.

Diversi cambi nell'undici della Juventus. Allegri sceglie Gatti accanto a Bremer, fa sedere in panchina Alex Sandro, sposta Danilo a destra e De Sciglio a sinistra; a centrocampo confermato il trio Locatelli-Miretti-Rabiot, mentre in avanti turno di riposo per Kostic che fa spazio a Moise Kean sulla corsia mancina per completare il tridente con Vlahovic e Cuadrado. Tra i liguri si rivede Kovalenko dal primo minuto, Bastoni confermato a centrocampo con l'esordio dall'inizio anche per lo svedese Holm sulla corsia di destra.

La chiave tattica di Juventus - Spezia

Dopo questa, le avversarie dovranno stare ancora più attente. Limitare i falli a ridosso dell'area di rigore perché la Juventus ha trovato il suo specialista. Dusan Vlahovic l'ha fatto di nuovo con una dinamica a dir poco simile. Meno di 10 minuti, fallo sul centro-destra guadagnato dal solito Juan Cuadrado, Vlahovic conta i passi e la rimette dove non era arrivato Rui Patricio (e non arriva nemmeno Dragowski).

Un inizio così cambia l'inclinazione della gara che per i bianconeri diventa subito in discesa, o almeno così sembra nella prima mezz'ora. La Juventus lascia impostare lo Spezia e, quando in possesso della sfera, ragiona senza fretta. La squadra di Allegri pian piano si impossessa del campo e del controllo del gioco, cercando con ordine il raddoppio soprattutto con i cross dalle fasce.

FBL-ITA-SERIEA-JUVENTUS-SPEZIA
FBL-ITA-SERIEA-JUVENTUS-SPEZIA / MIGUEL MEDINA/GettyImages

Nell'ultimo quarto d'ora del primo tempo i bianconeri perdono però il controllo. I liguri alzano il baricentro e provano a far male dalla corsia di destra sfruttando la velocità del giovane svedese Olm e gli inserimenti di Bastoni. In una transizione nel recupero del primo tempo Cuadrado va giù in area, atterrato da Hristov, ma Colombo non vede gli estremi per assegnare il calcio di rigore.

Secondo tempo senza modifiche per Allegri e Gotti. E a non cambiare è anche la trama della gara. Lo Spezia ci prova spostando la Juventus di qualche metro più indietro, ma senza riuscire praticamente mai a creare un'occasione nitida. Quella più importante arriva dopo l'ora di gioca con il colpo di testa su angolo di Dusan Vlahovic, respinto con un riflesso da Dragowski.

FBL-ITA-SERIEA-JUVENTUS-SPEZIA
FBL-ITA-SERIEA-JUVENTUS-SPEZIA / MIGUEL MEDINA/GettyImages

Poi quasi più nulla. Nessuna delle due squadre riesce ad arrivare in area di rigore con palle pulite e il risultato non cambia fino alla fine, quando entra in campo Milik, giocata sulla destra di Miretti che offre una palla tese al centro: il polacco controlla e in girata chiude la partita, forse un po' più tardi rispetto alle speranze dei tifosi juventini.

L'episodio della partita

Con la stessa modalità di Juventus-Roma, il 9 che è anche un 10, Dusan Vlahovic lo fa di nuovo, nella gara successiva e sempre nei primi 10 minuti di partita. Il suo exploit nel calcio italiano aveva fatto presagire dei limiti difficilmente definibili. E se inizia a segnare con regolarità anche da calcio piazzato, il suo pesao in un Top Club può diventare davvero devastante

Le pagelle dei bianconeri

Vlahovic 7.5 - Regge ancora il peso dell'attacco da solo, ma si parla di lui per il gesto di cui sopra. Il secondo, inaspettato, bellissimo e ancora decisivo. Dusan Vlahovic è a quota 4 in 4 gare e si sta caricando la Juventus di Allegri sulle sue larghe spalle. (Dall'85 Milik 7, una palla un gol, il polacco si presenta così ai suoi nuovi tifosi)

Kean 5.5 - Era lui l'uomo scelto da Allegri per supportare Dusan Vlahovic. Spostato largo a sinistra è stato chiamato poco in causa e non ha brillato. (Dal 55' Di Maria 5.5)

Gatti 6 - Esordio in Serie A pulito e senza sbavature per il nuovo centrale difensivo della Juventus, ottimo nelle palle alte e attento in marcatura sugli attaccanti dello Spezia.

Cuadrado 6.5 - Come contro la Roma, propizia la punizione del gol di Dusan Vlahovic, poi, dopo un approccio ottimo, si spegne e Allegri lo cambia al 55'. (Dal 55' Kostic 5.5)

Miretti 6.5 - Gioca con personalità, sempre a testa alta, ma sbaglia qualche scelta di troppo in fase offensiva. Allegri lo tiene in campo 90 minuti e ha ragione. È lui ad offrire l'assist del raddoppio di Milik.

facebooktwitterreddit