Serie A

La Roma gela il Verona al fotofinish: Volpato ed El Shaarawy firmano la rimonta

Alessio Eremita
Cristian Volpato
Cristian Volpato / Ciancaphoto Studio/GettyImages
facebooktwitterreddit

La Roma strappa tre punti pesantissimi al Verona nel posticipo della dodicesima giornata di Serie A. La serata inizia male per i giallorossi, che dopo 26 minuti si trovano in svantaggio per la deviazione sotto porta di Dawidowicz. La svolta arriva al 35', quando il difensore polacco si fa espellere per un brutto fallo ai danni di Zaniolo e lascia i compagni in inferiorità numerica. Ed ecco che, in pieno recupero, arriva il gol del pareggio firmato da Zaniolo, bravo a ribattere in rete un pallone che un istante prima parte dai piedi di Abraham e sbatte sul palo. Nella ripresa le occasioni scemano, ma è la Roma a fare la partita. E a deciderla. All'88' Volpato firma la rimonta con un sinistro dalla distanza, mentre al 92' è El Shaarawy a porre il sigillo definitivo sul match. Cala il sipario al Bentegodi, la Roma vince 3-1 e si presenta al derby davanti alla Lazio.

La chiave tattica di Verona-Roma

Il match del Bentegodi si disputa su ritmi elevati. Il Verona alza il pressing e corre su tutto il campo, la Roma costruisce dal basso (non senza qualche difficoltà) e pesca gli attaccanti con lanci lunghi che non sortiscono sempre gli effetti sperati. L'intensità messa da gialloblù e giallorossi ha risvolti anche negativi, perché aumentano gli errori tecnici e il nervosismo, come dimostrato dai tanti falli e le proteste in campo. Nella ripresa cambia l'inerzia della sfida, con la Roma che sale in cattedra e il Verona decisamente meno arrembante.

L'episodio della partita Verona-Roma

L'episodio che dà la svolta alla partita si manifesta al 35', quando l'arbitro Sacchi decide di estrarre il cartellino rosso agli indirizzi di Dawidowicz. Il difensore polacco commette un fallo scellerato a centrocampo, entrando con la gamba alta sulla coscia sinistra di Zaniolo. Provvidenziale il richiamo del VAR che fa notare al direttore di gara l'irregolarità compiuta dal calciatore del Verona. Da lì a poco, la Roma pareggia i conti sfruttando la superiorità numerica.

Il migliore in campo di Verona-Roma: Camara, voto 7.5

Mady Camara, Martin Hongla
Mady Camara, Martin Hongla / Ciancaphoto Studio/GettyImages

Camara è una costante spina nel fianco degli avversari. Prezioso in fase di copertura, micidiale negli strappi che danno il via alle manovre offensive della Roma. Suo il recupero di palla su Hongla da cui scaturisce la rete del pareggio giallorosso.

Il tabellino di Verona-Roma

MARCATORI: 26' Dawidowicz, 45'+2' Zaniolo, 88' Volpato, 90'+2' El Shaarawy.

VERONA (3-4-2-1): Montipò; Dawidowicz, Gunter, Ceccherini (46' Hien); Faraoni, Veloso (68' Magnani), Hongla (86' Sulemana), Depaoli; Tameze, Kallon (46' Lasagna); Henry (78' Djuric). A disposizione: Chiesa, Berardi, Perilli, Doig, Terracciano, Praszelik, Cabal, Kakari. Allenatore: Bocchetti.

ROMA (3-4-2-1): Rui Patricio; Mancini (66' Matic), Smalling, Ibanez; Karsdorp, Cristante (46' El Shaarawy), Camara (83' Shomurodov), Zalewski (54' Belotti); Zaniolo (54' Volpato), Pellegrini; Abraham. A disposizione: Boer, Svilar, Vina, Celik, Kumbulla, Bove, Tripi, Tahirovic. Allenatore: Mourinho.

ARBITRO: Sacchi di Macerata.

AMMONITI: Ceccherini, Cristante, Hongla, Hien. ESPULSO: Dawidowicz.

Le pagelle di Verona-Roma

Veloso 6,5 - È il faro del Verona a centrocampo. Passano dai suoi piedi tutti i palloni destinati agli attaccanti. Ed è lui a inventare l'azione per il momentaneo vantaggio.

Faraoni 6,5 - Inarrestabile sulla fascia e fondamentale in ogni fase di gioco. Il suo tiro dalla distanza diventa l'assist per il gol di Dawidowicz.

Ceccherini 5,5 - Il difensore alterna ottime giocate a errori banali. Rimedia un cartellino giallo che rischia di diventare rosso, viene sostituito all'intervallo in via precauzionale.

Dawidowicz 5 - Croce e delizia del Verona. Nell'arco di dieci minuti sblocca il risultato con una deviazione da bomber vero e si fa espellere per un bruttissimo fallo a centrocampo su Zaniolo.

Zaniolo 7 - Causa l'espulsione di Dawidowicz, scatena la furia del Bentegodi e poi lo zittisce segnando la rete dell'1-1.

Volpato 7 - Decide la gara con un bellissimo gol dalla distanza e un passaggio al bacio per il 3-1 di El Shaarawy.

Smalling 6,5 - Il Verona accelera e lui non si scompone. Sempre preciso negli interventi, non ha paura di nessuno.

Abraham 5,5 - Nel primo tempo ha la possibilità di segnare addirittura tre reti, ma è impreciso e sfortunato. Sognerà per tutta la notte i due pali colpiti.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit