Un Lecce orgoglioso annulla un Napoli poco ispirato: al Maradona finisce 1-1

La redazione di 90min
Napoli - Lecce
Napoli - Lecce / Ivan Romano/GettyImages
facebooktwitterreddit

Passo falso per il Napoli che al Maradona non va oltre l'1-1 contro il Lecce. Nella 4ª giornata di Serie A i partenopei rischiano di andare in svantaggio, ma Meret para un rigore a Colombo. Passano pochi minuti ed Elmas sigla la rete dell'1-0 che però non regala la sicurezza ai padroni di casa. Sempre nel primo tempo i salentini rimettono infatti la gara in parità sempre grazie a Colombo.

Il Napoli inanella il secondo pareggio consecutivo dopo quello di Firenze e si porta a 8 punti in classifica. Dopo l'1-1 con l'Empoli, il Lecce bissa il risultato e sale al 15° posto.

La chiave tattica di Napoli-Lecce

Visti i tanti impegni ravvicinati, Luciano Spalletti si concede qualche cambio nella formazione titolare. Il tecnico lancia infatti dal primo minuto i due acquisti Raspadori e Ndombele. Panchina anche per Kvaratskhelia, che lascia il posto a Elmas. In difesa non c'è Rrahmani: al fianco di Kim gioca Ostigard.

Come da pronostico, è il Napoli a tenere in mano il pallino del gioco per la maggior parte del tempo. Il Lecce, tuttavia, si difende con due linee strette e mantiene un baricentro alto, impedendo ai centrocampisti avversari di trovare il passaggio fra le linee e rendendo sterile il loro palleggio prolungato. La partita si movimenta dopo il rigore sbagliato da Colombo, che dà il via alla rete di Elmas. I salentini però ribattono colpo su colpo e sempre Colombo tira fuori dal cilindro un tiro imprendibile per Meret.

Nella ripresa i giallorossi si vedono decisamente di meno in attacco, ma il Napoli - salvo due occasioni importanti capitate sulla testa di Osimhen - non riesce a costruire palle gol significative. A pochi minuti dalla fine, Spalletti lancia nella mischia anche Simeone ma neanche la soluzione con il doppio centravanti risulta vincente.

L'episodio della partita

Il momento che ha di fatto stappato la gara è senz'altro la parata di Meret sul calcio di rigore battuto da Colombo. Con il mercato ormai prossimo alla chiusura e un Keylor Navas ancora in alto mare, il friulano si candida a diventare a tutti gli effetti il numero uno del Napoli. Il penalty è calciato bene ma lui intuisce l'angolo e si allunga nel modo giusto. Poi l'attaccante salentino fa partire una sassata incredibile, ma lì può solo buttarci i guanti.

Morten Hjulmand, Leo Ostigard
Napoli - Lecce / Francesco Pecoraro/GettyImages

Il tabellino di Napoli-Lecce

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Ostigard, Kim, Olivera; Zambo Anguissa (85' Simeone), Ndombele (46' Lobotka); Politano (71' Lozano), Raspadori (46' Zielinski), Elmas (56' Kvaratskhelia); Osimhen. Allenatore: Luciano Spalletti.

LECCE (4-3-3):  Falcone; Gendrey, Baschirotto, Tuia, Pezzella; Helgason (46' Gonzalez), Hjulmand, Askildsen (62' Blin); Banda (75' Listkowski), Colombo (70' Ceesay), Di Francesco (62' Strefezza). Allenatore: Marco Baroni.

ARBITRO: Marcenaro (Genova).

RETI: Elmas (27'), Colombo (31').

AMMONIZIONI: Politano (13'), Hjulmand (32'), Colombo (40'), Gonzalez (96'), Gendrey (97').

Le pagelle dei partenopei

Meret 7; Di Lorenzo 6, Ostigard 6, Kim 5.5, Olivera 6; Zambo Anguissa 6 (Simeone sv), Ndombele 5 (Lobotka 6); Politano 6.5 (Lozano 6.5), Raspadori 5.5 (Zielinski 5.5), Elmas 6.5 (Kvaratskhelia 5.5); Osimhen 5.

Rapadori 5.5 - Alla prima da titolare con la maglia del Napoli delude ampiamente le aspettative. Non riesce a farsi trovare sulle linee e la palla arriva con difficoltà in attacco. Deve ancora ambientarsi;

Elmas 6.5 - Quando viene chiamato in causa si fa sempre trovare pronto e anche stasera mette il proprio timbro sulla partita approfittando del passaggio in area di Politano. A sprazzi però sparisce improvvisamente dal campo;

Ndombele 5 - Stesso discorso anche per l'ex Tottenham, autore del fallo che porta al rigore per i salentini. Per sua fortuna, Meret si supera e impedisce ai partenopei di andare in svantaggio. Per il resto appare appesantito e completamente fuori fase. Internet Explorer;

Osimhen 5 - Sulla testa gli arrivano due occasioni interessanti, ma non risulta un cecchino implacabile. Sbaglia diversi controlli e molte sponde. Oggi la squadra aveva bisogno di lui, ma non si è fatto trovare pronto;

Meret 7 - La partita di stasera può essere la sliding door della sua esperienza al Napoli. Con Navas che non arriverà, il friulano dimostra di essersi messo gli errori del passato alle spalle.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit