Serie A

Vieri: "Dopo l'addio di Ronaldo metto l'Inter davanti alla Juve. Donnarumma al PSG? Il calcio è un lavoro"

Stefano Bertocchi
Christian Vieri
Christian Vieri / Mike Stobe/International Champions Cup/Getty Images
facebooktwitterreddit

Parlando in un'intervista a La Gazzetta dello Sport, Christian Vieri analizza la Serie A dopo le prime giornate messe in archivio e, soprattutto, dopo il mercato appena concluso: "​Prima che se ne andasse Ronaldo avevo detto: attacco della Juve più forte, Juve più forte. Adesso metto l’Inter davanti: i 25-30 gol di Cristiano non ci sono più, saranno contenti quelli che dicevano che non andava più bene. ​Quando va via Ronaldo non c’è scelta migliore, ma i gol che faceva lui qualcun altro dovrà farli. Non credo che Kean ne potrà fare così tanti, ma credo sia giusto dargli un campionato intero per giudicarlo".

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo / Carlos Rodrigues/Getty Images

ICARDI- "Icardi è uno che gioca poco con la squadra, ma di mestiere fa il finalizzatore, i suoi 20 gol è facile che te li faccia: siccome di quei 20 gol c’è bisogno, forse sarei andato più su di lui. Ma nel mercato non sempre si riesce a fare la cosa che sembra la migliore".

DZEKO - "Lukaku insostituibile? No, punto. Però l’Inter ha preso Dzeko: non ha la stessa potenza fisica, ha sei anni di più, ma è un attaccante tecnico, di altissima qualità, segna, fa segnare e fa giocare bene la squadra. Lukaku non puoi sostituirlo, ma provare a rimpiazzarlo: l’Inter lo ha rimpiazzato bene. Come ha fatto con Eriksen, prendendo Calhanoglu in due minuti". 

IBRAHIMOVIC E GIROUD - "Ibra se sta bene, gioca: dunque, nel caso, il Milan giocherà in modo diverso. Poi bisognerà vedere quante partite riuscirà a fare: ha pur sempre 40 anni. Lui si deve gestire, non può giocare ogni tre giorni: l’importante è che quando lo fa, possa farlo al massimo. Ma non dimentichiamo mai una cosa: la svolta del Milan c’è stata grazie ai gol, all’esperienza e alla personalità di Ibra".

DONNARUMMA - "Il calcio è un lavoro e io rispetterò sempre le decisioni di chi guarda al proprio futuro: possono piacere o no, ma non vanno giudicate. E Gigio è andato al Psg, oggi probabilmente la squadra più forte del mondo e che ha tutto per vincere la Champions, anche se il calcio è maledetto e un po’ di fortuna ti serve sempre. Sa quanti anni ha Gigio? Ventidue, e ne giocherà altri ventidue. Pochettino non è stupido: lo inserirà piano piano ma lo farà, perché sa che il Psg ha preso il portiere del futuro. Il portiere che sarà il più forte del mondo".


Segui 90min su Instagram e Twitch!

facebooktwitterreddit