Roma

Mourinho: "Bodo? Abbiamo sbagliato tutti, anche io. Ci saranno dei cambi. Abraham e Zaniolo? Vi spiego"

Antonio Parrotto
Josè Mourinho
Josè Mourinho / Anadolu Agency/GettyImages
facebooktwitterreddit

Jose Mourinho, allenatore della Roma, è intervenuto in conferenza stampa per presentare il match di Conference League contro il Bodo/Glimt. Match di ritorno dei gironi che arriva dopo la figuraccia in Norvegia, per 6-1.

Ecco le parole del tecnico giallorosso:

Domani si dà chance a chi ha fallito in Norvegia o si cambia?
"Abbiamo sbagliato tutti, non voglio dire ha sbagliato questo o l’altro. Abbiamo perso come squadra e domani vogliamo vincere come squadra. Non giocherà la stessa squadra, abbiamo sbagliato io e tutti".

Abraham non ha reso secondo le aspettative...
"Il problema siamo sempre noi, non a livello individuale. Per un giocatore che viene da una cultura calcistica, arbitrale, anche sociale diversa non è mai facile. Ha iniziato abbastanza bene, ha avuto un impatto positivo e adesso vive un momento non speciale ma è un grande giocatore. Abbiamo fiducia in lui, non c'è nessun problema. Tornerà a giocare meglio, segnerà, fiducia totale in lui".

Rispetto alle altre piazze in cui ha allenato ha riscontrato differenze negli arbitraggi e nelle sanzioni successive?
"Non parlo di arbitraggi né di Serie A".

Jose Mourinho
Jose Mourinho / Silvia Lore/GettyImages

Sia col Cagliari che con il Milan si è visto un modulo diverso nel secondo tempo, è una soluzione che può venire dal primo minuto nelle prossime partite?
"Non parlo della Serie A".

Dopo un anno di inattività Zaniolo è tornato ad essere un punto fermo della Roma, una valutazione su di lui? 
"Due anni di infortuni non è facile, contro la Juve si è sentito un po' la paura di un giocatore che ha sofferto tanto ed è normale e solo il tempo può aiutare a dimenticare. Fisicamente sta bene, è fortissimo. Ci sono dei dettagli dal punto di vista tattico che deve migliorare - riporta calciomercato.com - è normale quando hai 23 anni e quando hai perso due anni della tua carriera in infermeria ci sono delle cose da imparare. E' un bravo giocatore e un professionista che lavora ogni giorno. Sono soddisfatto".

Lei ha detto spesso che il livello del calcio italiano rispetto alla sua prima esperienza in certi campi è migliorato, secondo lei è migliorata anche l'immagine del calcio italiano all'estero?
"Penso al problema del razzismo negli stadi... E' un campionato dove si gioca bene, le squadre hanno qualità, i giocatori e gli allenatori hanno qualità, si preoccupano non solo dei risultati ma anche giocando con ambizione e bene. In questo senso sono molto soddisfatto di essere qui con voi".


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit