Milan

Milan, Giroud: "Sheva il mio idolo da bambino. Tomori mi ha chiamato per vincere lo Scudetto"

Andrea Gigante
Olivier Giroud
Olivier Giroud / Jonathan Moscrop/GettyImages
facebooktwitterreddit

Il Milan sorride in vista della sfida contro l'Hellas Verona: Olivier Giroud ha infatti smaltito i dolori alla schiena e sarà nuovamente arruolabile. Il francese è stato uno dei grandi arrivi nel calciomercato rossonero e, grazie alla sua esperienza, ha il compito di far compiere un salto di qualità alla squadra di Stefano Pioli.

Stamane, il campione del mondo ha rilasciato un'intervista esclusiva al canale YouTube della Serie A. Ecco cosa ha rivelato Olivier Giroud:

SUL MILAN - Sono molto orgoglioso di poter giocare con il Milan e in Serie A, il campionato che guardavo quand'ero giovane. Durante l'adolescenza, il mio giocatore preferito era Shevchenko, quindi sono molto fortunato ad avere l'opportunità di giocare e far gol come lui per questo enorme club. Noi giochiamo a calcio per questo tipo di emozioni e le trasmettiamo ai tifosi. È per questo non vedo l'ora di dare quello che posso per la squadra e per la gioia dei nostri fans.

Olivier Giroud
La presentazione di Olivier Giroud / Pier Marco Tacca/GettyImages

SULL'ITALIA - Entrambe le mie nonne erano italiane. Sono orgoglioso delle mie origini, l'ho imparato a scuola. Amo il Paese, la vostra gastronomia è fantastica...è un po' indietro rispetto a quella francese, ma è comunque buona. Non vedo l'ora di imparare la lingua e scoprire la città per andare in giro con la mia famiglia.

SU MAIGNAN E TOMORI - Ho sentito Mike Maignan quando stavo per firmare per il Milan. Penso che diventerà il primo portiere della nazionale francese, quando Lloris lascerà. Ha molto talento. Ho parlato anche con Tomori e mi ha detto: "Stavamo aspettando te per aiutarci a vincere lo Scudetto". Non voglio mettere molta pressione, ma ovviamente vogliamo giocare per lottare per il primo posto in classifica.

Mike Maignan, Fikayo Tomori
Mike Maignan e Fikayo Tomori / Jonathan Moscrop/GettyImages

SU IBRAHIMOVIC - Ho giocato qualche volta contro Zlatan. A quarant'anni gioca ancora: penso sia un professionista eccezionale. Si prende cura di se stesso e del suo corpo. Anch'io cerco di fare lo stesso, visto che voglio godermi il calcio finché posso. Penso sia un esempio per i giovani e uno dei migliori attaccanti della Serie A. Non vedo l'ora di giocare al suo fianco e di godermi l'allenamento, penso che ci divertiremo. Io voglio vincere qualcosa con il Milan e con Zlatan sarà più facile.

SU PIOLI - Quando ho parlato per la prima volta con mister Pioli è stato molto naturale. Abbiamo avuto una conversazione molto franca. Mi piace il suo modo di pensare il calcio, le sue idee. L'anno scorso ho seguito il Milan e se ha fatto una grande stagione gran parte del merito è di Pioli.

Olivier Giroud, Stefano Pioli
Olivier Giroud e Stefano Pioli / Nicolò Campo/GettyImages

Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit