Juventus

Zakaria: "La Juventus mi ha sempre fatto sognare. In campo domenica? Io sto bene"

Andrea Gigante
Denis Zakaria
Denis Zakaria / Nicolò Campo/GettyImages
facebooktwitterreddit

Dopo Dusan Vlahovic, la Juventus presenta anche Denis Zakaria. Il centrocampista svizzero, arrivato dal Borussia Mönchengladbach per 5 milioni di euro più 3 di bonus, è intervenuto in conferenza stampa dove ha risposto alle domande poste dai giornalisti presenti. Leggiamo le sue parole (fonte: tuttojuve.com).

Cosa ti ha spinto a scegliere la Juventus?
"Buongiorno a tutti e grazie per avermi accolto. Ho scelto la Juventus perché è un club che mi ha fatto sempre sognare. Per me è un sogno essere qui e ho deciso che sarebbe stato il passo giusto per continuare la mia carriera".

Il prossimo step della tua carriera è segnare con maggiore continuità?
​​​​​“Sicuramente questo è sempre stato sempre uno dei miei obiettivi ovvero aumentare il numero dei miei gol. E adesso che sono alla Juve questa potrebbe essere una buona occasione per diventare molto più efficace in zona gol".

Che idea ti sei fatto della Juventus?
"Un'idea molto buona. Un'impressione eccezionale. È una squadra molto forte e con grandi qualità. E se devo fare un paragone con la Germania, per me è un grande passo avanti perché il club è di grande qualità".

Puoi descriverti come giocatore?
"Se dovessi descrivermi dire che mi piace giocare in avanti, sono aggressivo. Amo molto recuperare i palloni, ma anche difendere e aiutare nel recupero del pallone. Mi posso descrivere come un giocatore abbastanza completo".

Hai avuto modo di parlare con Lichtsteiner prima di scegliere la Juve?
"No, diciamo, che non ho avuto il tempo di parlare con Stephan. Non c'è stata occasione ma sono sicuro che in futuro avremo modo di parlare".

Oltre alla Juventus ti hanno cercato anche altre squadre?
"Mi aspettavo di lasciare il Borussia ma non subito, a metà stagione. Ma non succede tutti i giorni che ti cerchi la Juve e ho colto subito l'occasione, spero di poter dare il mio contributo alla squadra".

Qual è stato il tuo l'impatto con il mister e con i compagni? Hai una posizione preferita?
"Sia con l'allenatore che con i miei compagni è stato tutto molto fluido e ci siamo trovati subito bene. L'atmosfera qui è sempre buona. E per quanto riguarda la posizione mi trovo bene a centrocampo e non ho particolari velleità".

Sei già pronto per giocare domenica? 
"Onestamente si perché sto bene fisicamente, mi sono allenato già due volte con la squadra, ho già cominciato a prendere le misure. Quindi se l'allenatore ha bisogno di me, sono pronto per giocare già nel prossimo turno di campionato". 

Hai un modello al quale ti ispiri?
"Se devo pensare a qualcuno direi Patrick Vieira perché è un giocatore che mi è sempre piaciuto. Però io sono Zakaria e ho le mie caratteristiche e non necessariamente devo aderire ad un modello".

Hai già parlato con Allegri?
"Si ho già parlato con il mister e più o meno mi ha già detto cosa si aspetta da me. Mi ha spiegato se devo chiudermi o allungarmi ma non siamo entrati nei dettagli".

Sei il terzo svizzero ad arrivare alla Juventus, ti senti orgoglioso di essere qui?
"Sì moltissimo, come ho detto più era un sogno per me. La Juventus era la squadra preferita di mio padre quindi conosco molte cose di questo club. E cercherò di mettere tutto me stesso per aiutare la squadra a migliorarsi ancora se è possibile".

La Juve può essere il punto più altro della tua carriera o è solo una tappa di passaggio?
"Io non mi fermo qui, sono un combattente e voglio sempre migliorare. Sicuramente è un passo molto importante nella mia carriera, però io voglio diventare sempre più forte e migliorarmi. Quindi sono sicuro che qui avrò l'occasione di farlo. Ma se guardo al futuro questo  è solo un passo, ma non è il termine".

Ti puoi ispirare a Pogba?
"Tutti conosciamo Pogba, sappiamo quello che ha fatto alla Juve. Spero di avere lo stesso successo che ha avuto lui, però io ho la mia identità e spero di lasciare il mio segno".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit