Inter

Pennella su Socios.com sponsor dell'Inter: "18 milioni di fan token in un'ora"

Omar Abo Arab
La maglia dell'Inter con il main sponsor Socios.com
La maglia dell'Inter con il main sponsor Socios.com / Jonathan Moscrop/Getty Images
facebooktwitterreddit

Ai microfoni de "L'Orologio" è intervenuta Serena Pennella, digital editor di Socios.com, appena diventato main sponsor dell'Inter (dopo il Valencia e le altre collaborazioni tante big europee). Oltre a presentare la partnership con il club nerazzurro, Pennella ha anche approfondito il concetto di moneta elettronica legata al calcio, per un connubio sì partito da pochissimo, ma destinato a crescere in breve tempo.

"Noi siamo contentissimi di come sta andando la partnership. Da quando abbiamo iniziato abbiamo subito percepito fortemente il calore dei tifosi nerazzurri. Abbiamo venduto un milione di fan token in diciotto minuti, avendo una richiesta da più di 50mila utenti che erano in coda per acquistare. In passato i nostri FTO avevano dinamiche diverse, senza limiti di token per persona - in passato col Barcellona siamo andati sold out in un minuto - mentre in questo caso in cui era stato fissato il limite massimo hanno partecipato più di 24mila utenti alla fine ed è stato velocissimo questo sold out. Ma a prescindere dalla velocità siamo soddisfatti perché siamo riusciti ad unire i nostri due mondi, quello del crypto e del fan engagement attirando tantissimi tifosi che sono stati entusiasti del fan token e ci hanno accolto benissimo" le parole di Serena Pennella riportate da fcinternews.it.

Per i tifosi sono già iniziati i concorsi con 19 premi, domenica si è già concluso il primo, giusto?

"Sì, il concorso è stato aperto non appena abbiamo rimesso in vendita il Fan Token dell'Inter la settimana scorsa a prezzo di mercato - e ora sarà sempre disponibile con queste modalità senza alcun tipo di limite -. Abbiamo lanciato questo concorso in cui chiedevamo ai tifosi come fossero diventati interisti e come fosse nata la loro passione premiando le 19 risposte preferite con biglietti VIP per Inter-Atalanta, magliette autografate e altro merchandising nerazzurro".

Dopo questo primo appuntamento, questo primo take-over, quali sono i prossimi appuntamenti?"

Non posso spoilerare nulla di preciso, però posso assicurarvi che stiamo lavorando ad un paio di attivazioni e un paio di sondaggi davvero carini che riguardano gli Inter Club, il servizio hospitality allo stadio e poi ce ne uno che potrebbe o non potrebbe riguardare la maglia, però qui lo dico e qui lo nego. Non posso comunicare alcun tipo di data né confermare alcun tipo di attivazione".

Nelle scorse settimane si è tenuto un sondaggio per il Valencia - altro club che ha come Main Sponsor Socios.com - che consentiva ai tifosi di scegliere un design per la maglia da esibire in una partita di Copa del Rey, si potrebbe dunque riproporre una situazione simile all'Inter?

"Tutti i sondaggi che vengono messi sull'app dipendono dal club. Sono loro che principalmente propongono a noi la tipologia di attività da proporre ai tifosi. Tendenzialmente ciò che facciamo parte dal club e perciò tutto quello che faremo in futuro per noi va benissimo, ma ovviamente ci sono dei limiti. Sicuramente poter lavorare con Inter Media House è tanta roba".

Socios.com è in contatto con moltissime altre realtà calcistiche in Italia, quanto è stimolante gestire così tante fanbase così diverse fra loro?

"Noi diciamo che siamo sempre i primi tifosi di ogni squadra per cui il nostro obiettivo è supportare la squadra. Cerchiamo di essere super partes".

Possiamo aspettarci altre collaborazioni fra le diverse squadre appartenenti all'ecosistema Socios.com anche nel campionato italiano?

"Siamo sempre aperti alle collaborazioni fra le diverse squadre. Lo scorso marzo ad esempio in occasione di Roma-Milan all'Olimpico abbiamo fatto scambiare ai capitani delle squadre il Fan Token Award e siamo aperti a proporre eventi simili al fine di coinvolgere quanto più possibile tutte le tifoserie"

Quindi passiamo dall'albero di Juan Jesus e Montolivo al Fan Token Award nel prossimo derby?

"Sarebbe bello, sarebbe bello"

Socios.com è una realtà super giovane che sta crescendo a dismisura nel mondo del calcio negli ultimi mesi, come vi vedete da qui ai prossimi 5 anni? Quali sono i prossimi step?

"Ci vediamo a dominare il mondo (ride ndr). Scherzi a parte, quest'anno abbiamo portato il nostro roster di partner a più di 60 per cui da qui a qualche anno punteremo ad aumentare sia il numero che il prestigio dei partner che abbiamo e alzare il tiro per quanto riguarda l'ambito del fan engagement con attivazioni e sondaggi. Adesso siamo già title sponsor della Primera Division Argentina e sarebbe bello poter ripercorrere questo in altri ambiti".

Vi siete mai dati una spiegazione dall'interno dell'esplosione del fenomeno relativo alle cryptovalute in questo ultimo periodo specialmente nel mondo del calcio?

"In generale verso marzo c'è stata un'esplosione del mercato crypto che ovviamente non ha spiegazioni perché queste cose sono assolutamente imprevedibili. Noi però ci teniamo sempre a fare una differenza, la nostra azienda è composta da Socios.com e Chiliz che rappresenta la parte crypto. Per quanto riguarda l'esplosione di questo fenomeno nel mondo sportivo e del calcio in generale possiamo dire che abbiamo stabilito un modello che funziona e lo abbiamo dimostrato ripetutamente. Grazie a questo credito che ci siamo costruiti nel tempo siamo riusciti ad arrivare a partnership prestigiose come quella con l'Inter. Digitalbits-Inter? Noi come Socios.com ci posizioniamo come piattaforma di fan engagement e non come crypto-platform, quindi è giusto spiegare anche questo dettaglio ai tifosi".

Come viene stabilito il valore del Fan Token dei singoli club?

"Semplicemente una questione di domanda e offerta. Per esempio noi per l'Inter abbiamo messo a disposizione un milione di Fan Token nella prima fase e poi ne abbiamo aggiunti 800mila nella seconda fase per una questione di liquidity. Essendo un numero limitato ed essendo la richiesta altissima poi il prezzo naturalmente si alza. E dalla nostra esperienza possiamo dire che il prezzo varia comunque anche in base all'andamento della squadra o anche da colpi di mercato come accaduto per Messi e il PSG".

Dopo il lancio del Fan Token dell'Inter avete qualche dato sulla distribuzione della fanbase?

"Personalmente non ne sono a conoscenza, ma in generale posso dirvi che la nostra fanbase principale è composta dalla Turchia in cui c'è un entusiasmo palpabile per ogni FTO. L'Italia è il nostro terzo mercato e con la partnership raggiunta con l'Inter abbiamo notato un aumento delle registrazioni e tantissimi nuovi utenti e consideriamo questa partnership un successo assoluto".

L'ultima domanda è forse anche la prima che un fan si pone nel momento in cui viene a contatto con questo mondo. Oltre ai benefit e alle attività di engagement come si quantifica il guadagno nel divenire possessore di un Fan Token? Possiamo dire che i guadagni che non riguardano queste attività sono quelle classiche di un mercato finanziario legato però all'ambito delle cryptovalute? O ci sono altri guadagni che sfuggono ai più?

"Per un tifoso essere in possesso di un fan token denota dei benefici che a un utente più attratto dall'ambito crypto probabilmente non interessano e viceversa. In generale apriamo i concorsi ai possessori di anche solo un fan token per rimarcare che non serve fare del trading per essere engaged nell'esperienza. E i fan token non scadono quindi non bisogna essere dei trader. Si tratta di un passe-partout per poter partecipare".


Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

facebooktwitterreddit