Serie A

Spettro di Milan e Inter, il sindaco Sala dice sì al dibattito pubblico su San Siro

Antonio Parrotto
San Siro
San Siro / Marco Luzzani/GettyImages
facebooktwitterreddit

Milan e Inter hanno deciso di affidare il progetto del nuovo stadio milanese a Populous. Dalla Scala del calcio si passerà nei prossimi anni alla Cattedrale. Ma San Siro, almeno inizialmente, non verrà abbattuto.

Al Meazza per le partite interne rimarrà solamente un una delle torri. Lo spettro del dibattito pubblico aleggia sullo stadio Giuseppe Meazza. Il Sindaco di Milano Giuseppe Sala ha parlato proprio durante il giorno di Natale dell'argomento.

Sala ha definito utile il dibattito che si è avviato in commissione consiliare sia la sua versione pubblica: "Non bisogna sfuggire al dibattito. Io ho solo chiesto due cose. Siccome con la mia giunta ho concesso la pubblica utilità poche settimane fa, non è che posso negare un mio atto, quella è la mia posizione di partenza. Secondo, ogni incontro deve vedere intorno al tavolo tutti, ha poca utilità che i comitati dicano a me che dobbiamo rimanere a San Sito, devono convincere le squadre, cosa che io non sono riuscito oggettivamente a fare per due anni, quindi è importante che ci si veda tutti".

San Siro GV
San Siro / Jamie McDonald/GettyImages

Luigi Corbani, portavoce del comitato Sì Meazza ha criticato duramente il Sindaco: "Imbarazzante. Se Sala vuole una discussione vera, e non vuole giocare alle tre carte, ritiri la delibera. Fa il furbo, chiedendo che siano gli altri a “convincere” le società. Sono aree pubbliche e vogliono demolire un bene pubblico, che ci sta a fare allora? Noi abbiamo eletto un sindaco, non il portavoce degli interessi dei fondi proprietari di Milan e Inter".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit