Serie A

Sindaco Sala: "Moratti? Le battute sono battute. San Siro? Tenerlo aperto costa e non ho una macchina stampa soldi"

Antonio Parrotto
Sindaco Beppe Sala
Sindaco Beppe Sala / Jacopo Raule/GettyImages
facebooktwitterreddit

Giuseppe Sala, parlando della provocazione lanciata ieri a Massimo Moratti, che ha aderito al comitato Sí Meazza, a cui ha detto di comprare lo stadio se intende salvarlo, è tornato sulla questione stadio San Siro.

Il primo cittadino milanese ha risposto all'ex presidente dell'Inter, smorzando sul nascere le polemiche: "Io con Massimo Moratti ho un rapporto talmente cordiale, ieri sera ci siamo visti nella serata in memoria di Gino Strada, e ci siamo salutati super affettuosamente, quindi le battute sono le battute”.

Protests And Police Clashes As Italy Slowly Exits Coronavirus Pandemic Lockdown
Sindaco Beppe Sala / Roberto Finizio/GettyImages

Sala poi ha lanciato un nuovo messaggio a Inter e Milan e non solo. Non c'è rischio che il Sindaco Sala cambi idea, c'è voglia di proseguire sul progetto avviato, ovvero quella della costruzione del nuovo stadio. Ecco le sue parole: “Dopo questo percorso durato due anni ci mancherebbe che ora, dopo aver preso una decisione, io cambi idea – ha aggiunto -. Rimane il fatto che, se non si fa lo stadio nuovo, tenere aperto San Siro costa un sacco di soldi. E io la macchinetta per stampare i soldi non ce l’ho. E ci mancherebbe altro che penalizzassi la povera gente che ha bisogno di nostre attenzioni per la questione di San Siro”.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit