Juventus

Tutte le "false partenze" di Massimiliano Allegri in carriera

Francesco Castorani
Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri / Jonathan Moscrop/GettyImages
facebooktwitterreddit

La Juventus di Massimiliano Allegri sta attraversando uno dei periodi più negativi della sua storia recente. Due sconfitte nelle prime due di Champions League, due vittorie nelle prime sette di Serie A, condite da quattro pareggi e una sconfitta contro la neopromossa Monza. La sosta è una boccata d'ossigeno per il tecnico toscano che potrà prepararsi alle 12 gare da disputare in un mese e mezzo con più tranquillità, almeno per due settimane.

Gli infortuni di Chiesa, Pogba e Locatelli, ma anche di Szczesny, Rabiot e il dentro-fuori di Di Maria; le squalifiche di Cuadrado e Milik hanno complicato oltremodo l'uscita dei bianconeri dalla crisi di settembre. Crisi che ha condotto la Juventus all'ottavo posto in classifica con 10 punti conquistati e 11 lasciati nel percroso. Quella di questa stagione però non è la prima falsa partenza di Massimiliano Allegri in Serie A. Scopriamo tutte le altre considerando le prime sette giornate di campionato.

Le due partenze con il Cagliari

Massimiliano Allegri
Cagliari Calcio v Atalanta BC - Serie A / Enrico Locci/GettyImages

Stagione 2008-09. Allegri si siede per la prima volta su una panchina di Serie A e lo fa a Cagliari, senza sapere con certezza che la squadra sarda avrebbe rappresentato uno dei trampolini di lancio della sua carriera. Nelle prime 5 ottiene 5 sconfitte, poi arriva il pareggio interno con il Milan e la vittoria a Torino con i granata. Dopo 7 giornate il Cagliari ha 4 punti e concluderà il campionato nono.

Nella stagione successiva va meglio, ma non in maniera eccellente. Nelle prime quattro Allegri ottiene un pareggio e tre sconfitte; poi vince consecutivamente a Bari e a Parma e perde contro il Chievo. Arriva a quota 7 punti nelle prime 7 e verrà esonerato a 5 gare dal termine della Serie A.

Il periodo al Milan

Massimiliano Allegri, Zlatan Ibrahimovic
AS Roma v AC Milan - Serie A / Giuseppe Bellini/GettyImages

La prima stagione al Milan, quella dello scudetto, Allegri non sbaglia. Pareggia con il Catania in casa e perde a Cesena, ma in totale conquista 14 punti. È in quelle successive che il Milan delude. Nella stagione 2011-12 il calendario non aiuta e il Milan perde in trasferta contro Juventus e Napoli e pareggia a San Siro contro Lazio e Udinese conquistando soltanto 8 punti.

Punti che diventano addirittura 7 (su 21 disponibili) nella stagione successiva (2012-13), in cui il Milan perde contro Sampdoria, Atalanta e Udinese, pareggia a Parma, e cade anche nel derby contro l'Inter. La stagione 2013-14, quella dell'esonero a metà campionato, comincia più o meno allo stesso modo. 8 punti conquistati, le sconfitte contro Verona, Napoli e Juventus e i pareggi con Torino e Bologna.

Il cambiamento alla Juventus

Nelle sette stagioni in bianconero (considerando quella corrente) Massimiliano Allegri è migliorato molto nella fase d'avvio della Serie A, riuscendo per ben 4 volte a vincere 6 delle prime 7 partite. Il peggior inizio del tecnico toscano con la Juventus è datato 2015, nella sua seconda stagione, quella post finale di Champions persa contro il Barcellona, che si concluderà comunque con lo Scudetto.

Nelle prime 7 della stagione 2015-16 la Juventus conquista 8 punti. Perde le prime due contro Udinese e Roma, e pareggia in casa contro Chievo e Frosinone, prima di cadere anche al San Paolo di Napoli. Poi tre avvii quasi perfetti dal 2016 al 2019 e un inzio nuovamente stentato nella precedente stagione, la prima dell'Allegri 2.0.

11 punti, soltanto 2 nelle prime quattro partite. La Juve inizia con un pareggio a Udine, perde in casa contro l'Empoli ed esce ancora sconfitta al San Paolo, pareggiando anche in casa contro il Milan. Nella corrente è a quota 10 punti, ma quelli lasciati nel percorso sono stati guadagnati da squadre sulla carta di minor prestigio.

Il pareggio contro la Sampdoria ultima in classifica, quello con una Fiorentina in crisi, allo Stadium contro la Roma, ma soprattutto contro la Salernitana, fino ad arrivare alla sconfitta per 1-0 contro il Monza, che rappresenta la prima vittoria dei brianzoli in Serie A.

Allegri non è in discussione, almeno secondo quanto rivelato pubblicamente dalla dirigenza juventina. Con molti tifosi il feeling si è perso, ma questa falsa partenza non è la prima della sua carriera e dopo molte è stato in grado di rialzarsi. Riuscirà la Juventus a sfruttare la sosta per invertire la rotta tra ottobre e novembre?

facebooktwitterreddit