Napoli

Spalletti: "Prevedo un futuro roseo per il Napoli. Vogliamo un posto tra le prime"

Andrea Gigante
Luciano Spalletti
Luciano Spalletti / Francesco Pecoraro/GettyImages
facebooktwitterreddit

Il Napoli cerca la seconda vittoria del suo 2022 e domani alle 18.00 scenderà in campo al Dall'Ara per affrontare il Bologna in una gara valida per la 22ª giornata di Serie A. Poco fa, Luciano Spalletti ha incontrato i giornalisti per la conferenza stampa di rito. Leggiamo le parole del tecnico dei partenopei:

Sulle difficoltà del momento:
“Per vincere le partite è fondamentale avere giocatori a disposizione e in condizione. Noi nell'ultimo mese non li abbiamo avuti, per questo prevedo che il nostro cammino e il nostro rendimento sono destinati a crescere. Prevedo un futuro migliore rispetto al difficile periodo attraversato nell’ultimo mese".

Sugli obiettivi:
"Abbiamo le potenzialità per ambire alle prime posizioni in classifica. Vogliamo arrivare tra i primi quattro posti e siamo in grado di raggiungere l'obiettivo senza alibi. L'ambizione e la qualità di cui disponiamo ci daranno la spinta per poter migliorare in tutti i sensi. Abbiamo un gruppo che per qualità può far felice i tifosi e la città"
riporta TuttoNapoli.

Sulla gara di Coppa Italia contro la Fiorentina:
"La gara di giovedì non lascia scorie. È stato un match deciso da episodi, ma va detto anche che siamo riusciti a pareggiare all'ultimo minuto in inferiorità numerica, 9 contro 10. Tra l'altro sono stato espulsi due calciatori freschi e appena entrati e questo fa parte della casualità".

Luciano Spalletti (SSC Napoli coach) during the game of...
Luciano Spalletti / Pacific Press/GettyImages

Sulla concorrenza:
"Non dobbiamo preoccuparci delle squadre che ambiscono alla zona Champions League. Noi vogliamo arrivare tra le prime quattro e abbiamo le carte in regola per raggiungere questo obiettivo”​​

Sui possibili uomini recuperabili per il match di Bologna:
"Osimhen sta lavorando con noi, Zielinski si è allenato a casa in questi giorni e se domani supererà gli esami dopo il Covid, potrebbe raggiungerci a Bologna. Abbiamo alcune situazioni che possono essere prese in considerazione in vista di domani".

Sul rapporto con la città:
“Noi siamo qualcuno se rendiamo felice qualcuno. Come gruppo possiamo fare felice una città intera. Lo stadio Maradona è la nostra casa. Sentiamo l’affetto della città. Sappiamo quali sono i nostri obiettivi non dobbiamo avere alibi”.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit