Napoli

Spalletti: "Non voglio i complimenti, voglio vincere. Osimhen? Domani in gruppo"

La redazione di 90min
Luciano Spalletti
Luciano Spalletti / SOPA Images/GettyImages
facebooktwitterreddit

Un Luciano Spalletti reduce dall'operazione per una frattura alla clavicola si è presentato in conferenza stampa alla vigilia di Napoli-Liverpool, sfida valida per la prima giornata della fase a gironi di Champions League. Questo quanto affermato dal tecnico, innanzitutto sulle proprie condizioni:

Luciano Spalletti
Spalletti / Ivan Romano/GettyImages

"Mi è stata riscontrata la frattura della clavicola, poi tramite i medici ci siamo messi in contatto col nostro riferimento Castagna, a Milano sono stati gentilissimi. 7 ore di viaggio, alle 4 mi hanno atteso, hanno fatto ulteriori accertamenti, alle 11 hanno trovato uno spazio per operarmi, sono uscito alle 3 e mi hanno dimesso alle 7. Tramite un amico sono tornato a Castel Volturno stanotte, è tutto ok, ho saltato solo l'allenamento di ieri, ma ho il mio capitano qui per appoggiarmi (ride, ndr). Con il Liverpool sarà una grande gara" riporta Area Napoli.

Ancora sulle condizioni fisiche e sull'emozione da Champions: "Mi vedrete così per un bel po', dovrò portarlo per un mese (il tutore), mi hanno messo una placca e sette viti. A me emoziona tantissimo essere al luna park del gioco del calcio, le musiche dagli spogliatoi oltre a quella in campo. Qualcuno ce l'ha già sul cellulare, è un'atmosfera bellissima, un premio al grande campionato fatto l'anno scorso, è quello a cui puntano tutti. In Champions una palla morta in un attimo diventa viva e decide la partita, è questa la differenza sostanziale rispetto al campionato".

Su Lozano e Osimhen: "Lozano è a disposizione, ha fatto tutto l'allenamento. Osimhen ieri aveva questo fastidio, zero allenamento ieri, differenziato oggi, col gruppo domani mattina e se la risposta sarà positiva come oggi nel passaggio intermedio allora proverà a calciare, a fare qualcosa di più forte e se la risposta sarà positiva potrà giocare".

Differenze campionato-Champions: "Le differenze sono sostanziali, quando svolgi tutto alla perfezione questi tirano fuori la giocata dal cilindro e ti mettono in difficoltà, bisogna essere accesi sempre al massimo. Anche quando il pallone è fuori dal campo, quel pallone può finire ovunque. Devi anticipare ogni azione. Dicevamo che non sapevamo la reazione della squadra dopo il passaggio a vuoto col Lecce, loro però ce l'hanno fatta vedere e quindi questi giocatori farà di nuovo innamorare il Maradona perché si allenano bene e hanno una passione sfrenata per il gioco e per i colori, sono convinto che faranno una grande gara".

Firmare per un pareggio? "Sarebbe limitare ciò che abbiamo visto, anche la Lazio sappiamo che calcio gioca e che giocatori ha, siamo andati lì per vincere su un campo non facile. Si torna in Champions e troviamo squadre più rappresentative, ma non bisogna andare in campo con l'idea di prendere i complimenti, ma con l'idea di vincere, questo è il segnale, come sul 2-1 a Roma inserendo due giocatori offensivi per andare a fare il terzo".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit