Spadafora: "Escludo che a gennaio i tifosi possano tornare negli stadi, il Governo ha altre priorità"

Antonio Parrotto
Vincenzo Spadafora
Vincenzo Spadafora / Elisabetta Villa/Getty Images
facebooktwitterreddit

Il ministro delle Politiche giovanili e dello Sport Vincenzo Spadafora ha parlato ad Agorà su Rai 3 toccando vari argomenti. Il più scottante riguarda il ritorno del pubblico negli stadi di calcio. Gravina si augurava il ritorno dei tifosi a gennaio, Spadafora ha immediatamente frenato.

Io escludo che a gennaio ci possa essere questa possibilità per gli stadi. Per un motivo semplice : ognuno spera di riprendere, noi come governo dobbiamo avere una scala di priorità. Ed e su quelle priorità che dobbiamo concentrarci. Non è un problema di ventimila spettatori su sessantamila posti all’Olimpico, perché questi numeri significano controlli, trasporti, gestire una macchina che non è prioritaria rispetto alla scuola o il sistema industriale. Il mio desiderio è di rivedere i tifosi allo stadio, ma non credo che accadrà a gennaio” ha detto il ministro.

Vincenzo Spadafora
Vincenzo Spadafora / Franco Origlia/Getty Images

Diverso il discorso per quanto riguarda sci e palestre. "Mi auguro che prima del 7 febbraio, quando ci guarderà tutto il mondo con l’inizio dei Mondiali di sci di Cortina, possano riaprire gli impianti e questo potrà essere un segnale importante. Il Cts non ha bocciato le linee guida delle Regioni, ha chiesto delle modifiche".


Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo e della Serie A.

facebooktwitterreddit