Roma

Le scuse di Pellegrini dopo la disfatta: i tifosi rifiutano la maglia

Omar Abo Arab
Lorenzo Pellegrini
Lorenzo Pellegrini / Marco Canoniero/GettyImages
facebooktwitterreddit

Un'altra serata da cancellare per la Roma, che ieri è stata spazzata via dal Bodo/Glimt con un clamoroso 6-1 subìto in Norvegia nella terza giornata della fase a gironi di Conference League. Un ko incredibile arrivato nonostante l'ingresso di alcuni dei titolari rimasti a riposo, inseriti da José Mourinho nel secondo tempo. Al contrario, da lì arriverà il definitivo tracollo.

Tra i subentrati, ieri, anche Lorenzo Pellegrini e Tammy Abraham, con i due calciatori che al termine della gara hanno portato quasi tutti i compagni sotto lo spicchio con i 400 tifosi giallorossi che hanno raggiunto la Norvegia e sono stati ripagati con una prestazione ai limiti dello sconcertante. In particolare Pellegrini, nel chiedere scusa per la prestazione, si è tolto la maglia per regalarla ai tifosi, ricevendo indietro un secco dai tifosi.

Il capitano giallorosso, dopo essersi rivestito, è rimasto a colloquio per alcuni minuti con il settore ospiti, provando a calmare gli animi (per quanto possibile) insieme ad Abraham.

A Sky Sport, dopo la partita, Pellegrini ha commentato così la disfatta: "C'è poco da dire, quello che bisogna dirsi ce lo siamo detto negli spogliatoi ed è giusto che sia così. C'è solo da chiedere scusa e ripartire da domani più forte di prima perché abbiamo partite importanti che stanno arrivando. Non sono preoccupato ma sono molto arrabbiato. Non sono dispiaciuto, ma mi sento molto arrabbiato".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit