Cagliari

Alla scoperta di Daniele Baselli: come cambia il centrocampo del Cagliari?

Marco Deiana
Daniele Baselli
Daniele Baselli / Jonathan Moscrop/GettyImages
facebooktwitterreddit

"Fisicamente sto molto bene, sono a disposizione della squadra". E questo è già un buon punto di partenza nella nuova avventura di Daniele Baselli con la maglia del Cagliari. Il centrocampista scuola Atalanta è uno dei rinforzi che la dirigenza rossoblù ha voluto regalare a Walter Mazzarri per questa seconda parte di stagione, quella che dovrà portare la squadra isolana fuori dalla zona retrocessione.

Andrà a rinforzare un reparto che può contare sulla fisicità di Deiola, sulla grinta di Grassi e sulla dinamicità di Marin, oltre alla corsa di Nandez (se dovesse rimanere) e il palleggio di Strootman (fuori dai giochi a causa di un infortunio). Baselli ha caratteristiche diverse dai suoi compagni. L'ex Torino è un centrocampista box to box, la classica mezzala abile negli inserimenti con e senza palla.

In attesa di vederlo effettivamente sul campo, proviamo ad immaginare quale aiuto potrà dare Daniele Baselli al Cagliari e come si inserirà nel 3-5-2 di Walter Mazzarri.

Le caratteristiche tattiche di Daniele Baselli

Andando a guardare qualche spezzone di partite di Daniele Baselli con la maglia del Torino, l'occhio è andato subito su un suo particolare movimento. L'ex granata ama allargarsi sulla fascia mancina. Partendo dal ruolo di mezzala sinistra, il calciatore scuola Atalanta tende ad allargarsi fino alla linea laterale.

Questo permette al quinto di centrocampo di alzare il proprio baricentro, costringendo gli avversari a controllare due uomini sulla fascia. A quel punto Baselli, una volta ricevuta palla, ha diverse opzioni: sfruttare lo spazio lasciato libero con il suo movimento puntando l'area avversaria oppure duettare con l'esterno mancino. In ultimo c'è l'opzione cambio gioco. L'ex granata infatti non disdegna la sciabolata (come direbbe Piccinini) verso l'altra fascia.

Baselli ha inoltre buoni tempi di inserimento, con e senza palla, andando ad aumentare il numero di calciatori offensivi presenti nei pressi dell'area avversaria nelle azioni d'attacco.

La sua duttilità tattica

Il suo ruolo è quello di mezzala sinistra. Senza se e senza ma. Le sue caratteristiche si sposano con la filosofia di gioco di Mazzarri. Certo, in caso di necessità può ricoprire altre posizioni. In passato è stato provato più volte nel ruolo di regista, ma proprio per la sua indole di inserirsi con e senza palla, in questa posizione viene meno una delle sue principali qualità.

Sicuramente Mazzarri potrebbe sfruttarlo anche come trequartista in un ipotetico 3-4-1-2 o 3-4-2-1.

Quale sarà il centrocampo titolare del Cagliari?

Considerando il 3-5-2 come modulo base del Cagliari, Baselli andrebbe a completare il trio in mezzo al campo con Marin e Grassi. Il rumeno andrebbe ad occupare la posizione di mezzala destra, l'ex Parma quello di centrale e l'ex granata interno sinistro.

Rimane l'incognita Nandez, utilizzabile sia da mezzala sia da quinto, dove però ora Bellanova sta conquistando tutti con prestazioni di ottima qualità.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit