Primo Piano

Scamacca verso il West Ham: perché nessun club italiano ha puntato su di lui?

Lorenzo Zornetta
Gianluca Scamacca
Gianluca Scamacca / Nicolò Campo/GettyImages
facebooktwitterreddit

Gianluca Scamacca, attaccante classe 1999 della nazionale italiana, sta per approdare in Premier League al West Ham per 36 milioni di euro più 6 di bonus e il 10% sulla futura rivendita, diventando una plusvalenza record per il Sassuolo.

Ma perché nessun top club italiano ha deciso di puntare su un giovane già in grado di imporsi nel massimo campionato?

Con i suoi 16 gol della passata stagione, Scamacca è stato il miglior bomber italiano dopo Ciro Immobile però su di lui ci sono stati pochi timidi interessamenti da parte di Milan e Inter, senza reali offerte concrete. Per le milanesi il maggior problema sono state sicuramente le alte richieste del Sassuolo per lasciar partire il giocatore perché ben conosciamo i limiti economici dei due club sul mercato, ma questo evidenzia ancora una volta la distanza dei nostri club dai top team europei. Se le prime due squadre del nostro campionato non riescono a competere sul mercato con la settima di Premier è evidente che siamo ancora molto distanti dal tornare solo a pensare di essere competitivi per la vittoria della Champions League.

Il mancato acquisto di Scamacca da parte di una squadra italiana ha però motivi soprattutto tecnico-tattici, non che il ragazzo non sia di assoluto valore, ma si è trovato in una sessione di mercato in cui quasi tutte le grandi squadre giocano con un'unica punta e hanno già in rosa un importante numero 9.
La Juventus a gennaio è andata all in su Dusan Vlahovic, assicurandosi probabilmente in prospettiva la miglior prima punta a livello europeo insieme ad Haaland. L'Inter ha riportato a casa Lukaku ricomponendo la Lu-La che, solo due stagioni fa, le ha permesso di vincere lo Scudetto. Il Napoli ha Victor Osimhen che, anche dopo gli addii di Insigne, Mertens e Koulibaly, sarà uno dei principali leader della squadra non solo a livello tecnico ma soprattutto per quanto riguarda la leadership in un gruppo orfano dei senatori. La Roma con Tammy Abraham ha, oltre che un leader caratteriale, anche uno dei bomber più prolifici del passato campionato e ha giustamente investito molto rinforzandosi in altri reparti.

Gianluca Scamacca
Scamacca in azione con la maglia dell'Italia / Claudio Villa/GettyImages

Il Milan infine si è rinforzato con Divock Origi, a parametro zero dal Liverpool, che potrebbe anche giocare da attaccante esterno e che dà importati opzioni a Stefano Pioli. Tuttavia, gli infortuni e l'età avanzata di Ibrahimovic fanno ricadere il peso dell'attacco sulle spalle di Olivier Giroud. Il 35enne francese nella passata stagione ha siglato 11 gol, sicuramente non molti ma abbondantemente decisivi per vincere le partite chiave e riportare lo Scudetto al Milan. Da questo punto di vista Scamacca, con la sua potenza e il suo fiuto del gol, sarebbe stato il profilo perfetto per completare l'attacco dei rossoneri.

Le grandi italiane, chi per motivi economici chi per motivi tecnici, si sono fatte scappare il futuro bomber della Nazionale che ora al West Ham andrà a confrontarsi con i più grandi talenti del calcio europeo, ma siamo sicuri che Gianluca Scamacca saprà far parlare di sé a suon di gol.


Segui 90min su Youtube.

facebooktwitterreddit