Champions League

Saelemaekers risponde a Okafor: finisce 1-1 tra Milan e Salisburgo

La redazione di 90min
Salisburgo - Milan
Salisburgo - Milan / JOE KLAMAR/GettyImages
facebooktwitterreddit

La Champions League non inizia nel migliore dei modi per il Milan, che in Austria non va oltre l'1-1 contro il Salisburgo. Succede tutto nel primo tempo: i rossoneri vanno sotto intorno alla mezz'ora per colpa di Noah Okafor, bravo nel dribblare Kalulu e nel battere Maignan mettendogli il pallone sotto le gambe. Qualche minuto dopo arriva il gol del pareggio grazie a Saelemaekers, che sfrutta al meglio l'assist del solito Leao.

Occasione sprecata per il Milan, che non approfitta del passo falso del Chelsea che, nell'altra sfida del girone E, perde in trasferta contro la Dinamo Zagabria.

La chiave tattica di Salisburgo - Milan

Per l'esordio stagionale in Champions, Stefano Pioli conferma in blocco la formazione che ha vinto il derby. L'unica eccezione è la presenza di Saelemaekers che vince il ballottaggio sulla destra e parte dal primo minuto sulla corsia di destra.

I rossoneri rimangono però spiazzati dall'approccio iper-offensivo del Salisburgo, che dopo pochi minuti prova già a impensierire Maignan. Gli austriaci pressano alto per tutto il tempo, impedendo ai campioni di Italia di costruire dal basso. I difensori, marcati a uomo, sono così costretti a lanciare lungo ala ricerca di Giroud, che però non riesce quasi mai a sovrastare Pavlovic e Solet.

Quando il Milan inizia a uscire dal guscio arriva l'1-0 del Salisburgo. A mettere per primo il proprio nome sul referto di gara è Okafor, che mette a segno un gol splendido nato da un dribbling secco su Kalulu (che scivola) e infilando il pallone sotto le gambe di Maignan. I rossoneri riescono però a reagire e trovano il pareggio prima della fine del primo tempo. Tutto nasce dalla corsia forte, quella di sinistra, con una bella palla recuperata da De Ketelaere e un filtrante eccellente di Bennacer per Leao, che arriva sul fondo e la scarica dietro, dove Saelemaekers non può sbagliare.

Nella ripresa il Salisburgo ha un opportunità clamorosa per riportarsi in vantaggio, ma Fernando spedisce fuori a Maignan praticamente battuto. Pian piano gli austriaci perdono lucidità sul piano atletico e non riescono più a mantenere alto il pressing. Ciò permette ai rossoneri di tenere più a lungo il pallino del gioco e di imbastire le proprie azioni con più calma. A tempo praticamente scaduto i rossoneri vanno vicini al colpaccio, ma il tiro di Leao si infrange sul palo

L'episodio della partita

Il momento clou della gara arriva sicuramente a inizio secondo tempo: le due squadre sono sull'1-1 e il Milan rientra in campo con l'obiettivo di portarsi avanti. Sui piedi di Fernando capita un pallone golosissimo, di quelli che - come si dice - è più difficile mandarli fuori che insaccarli in porta. E invece l'attaccante sbaglia. Un sospiro di sollievo per i rossoneri che in caso contrario si sarebbero ritrovati di nuovo a inseguire.

Il migliore in campo: Noah Okafor, voto 7.5

FBL-EUR-C1-SALZBURG-MILAN
Noah Okafor / JOE KLAMAR/GettyImages

Il Salisburgo ha saputo sfornare grandissimi talenti negli ultimi anni. Dopo Haaland e Adeyemi, adesso tocca a Noah Okafor mettersi in mostra sul più magico dei palcoscenici europei. L'attaccante svizzero ha offerto una prestazione completa: non solo ha segnato un gol di pregevole fattura, ma è stato anche un prezioso riferimento per i compagni quando non sapevano cosa farsene del pallone

Il tabellino di Salisburgo - Milan

SALISBURGO (4-3-1-2): Kohn; Dedic, Solet (42' Bernardo), Pavlovic, Ulmer; Capaldo, Seiwald, Kjaergaard; Kameri (65' Gourna-Douath); Okafor (90 Adamu), Fernando (65' Sesko). Allenatore: Matthias Jaissle

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria (57' Dest), Kalulu, Tomori, Theo Hernandez; Tonali, Bennacer (57' Pobega); Saelemaekers (80' Messias), De Ketelaere (70' Diaz), Rafael Leao; Giroud (57' Origi). Allenatore: Stefano Pioli.

ARBITRO: Srđan Jovanović (SRB).

RETI: Okafor (28'), Saelemaekers (40)

AMMONIZIONI: Capaldo (17'), Tomori (39'), Calabria (44'), Gourna-Douath (68'), Diaz (89'), Origi (92')


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit