Ricorso dei De Laurentiis al Coni contro la multiproprietà: la nota

Stefano Bertocchi
Aurelio De Laurentiis,
Aurelio De Laurentiis, / Giuseppe Bellini/GettyImages
facebooktwitterreddit

Nuovo ricorso di Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, contro lo stop alla multiproprietà a partire dal 2024. Il patron del club, insieme al figlio Luigi (presidente del Bari) hanno infatti presentato un nuovo ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport del Coni.

Aurelio De Laurentis
Aurelio De Laurentiis / Ivan Romano/GettyImages

“Il Collegio di Garanzia dello Sport – si legge nel comunicato del Coni – ha ricevuto un ricorso presentato dal Cav. Aurelio De Laurentiis, in proprio e nella qualità di legale rappresentante pro tempore – Presidente del C.d.A. – della società S.S.C. Napoli S.p.a., nonché di legale rappresentate pro tempore – Presidente del C.d.A. – di Filmauro S.r.l., e dal Dott. Luigi De Laurentiis, in proprio e nella qualità di legale rappresentante pro tempore – Amministratore Unico – della S.S.C. Bari S.p.a., contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), nonché contro la Lega Nazionale Professionisti Serie A (LNPA), la Lega Nazionale Professionisti Serie B (LNPB) e la Lega Italiana Calcio Professionistico (Lega Pro), per l’impugnazione della decisione della Corte Federale d’Appello della FIGC, adottata con C.U. n. 0095/CFA del 22 giugno 2022, con la quale, nel respingere il reclamo dei suddetti ricorrenti, è stata confermata la decisione del Tribunale Federale Nazionale, Sezione Disciplinare, adottata con C.U. n. 0145/TFN-SD 2021-2022 del 13 maggio 2022, che aveva respinto il ricorso dei medesimi ricorrenti avverso la Delibera del Consiglio Federale della FIGC, pubblicata sul C.U. n. 88/A del 1° ottobre 2021, relativamente alla modifica dell’art. 16 bis NOIF, nonché di ogni atto presupposto o conseguente”.

“La vicenda - prosegue la nota - afferisce alla nuova formulazione dell’art. 16 bis delle NOIF, che vieta partecipazioni, gestioni o situazioni di controllo, in via diretta o indiretta, in più società del settore professionistico da parte del medesimo soggetto, del suo coniuge o del suo parente ed affine entro il quarto grado”.

I ricorrenti, Cav. Aurelio De Laurentiis e Dott. Luigi De Laurentiis, chiedono al Collegio di Garanzia, in accoglimento del presente ricorso:

  • in via principale, di annullare la decisione della Corte Federale d’Appello FIGC ivi impugnata, confermativa della decisione del Tribunale Federale Nazionale, Sezione Disciplinare, adottata con C.U. n. 0145/TFN-SD 2021-2022 del 13 maggio 2022, e per l’effetto, in accoglimento delle domande svolte, di annullare/revocare il C.U. FIGC n. 88/A del 1° ottobre 2021, nella parte in cui prevede la Norma Transitoria dell’art. 16bis NOIF, nonché ogni atto presupposto (compreso, per quanto occorrer possa, il verbale del Consiglio Federale del 30 settembre 2021, nella parte in cui viene deliberata la norma in questione), o conseguente, con ripristino delle norme finali e transitorie dell’art. 16bis NOIF previste dalla previgente disciplina, pubblicate con C.U. n. 231/A del 7 maggio 2021;
  • in via subordinata, di annullare la decisione della Corte Federale d’Appello FIGC, ivi impugnata, confermativa della decisione del Tribunale Federale Nazionale, Sezione Disciplinare, adottata con C.U. n. 0145/TFN-SD 2021-2022 del 13 maggio 2022, rimettendo la fattispecie alla Corte Federale d’Appello FIGC affinché, in diversa composizione, svolga un nuovo esame del merito, in applicazione del principio di diritto che il Collegio di Garanzia dello Sport vorrà enunciare.

Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit