Calcio estero

Regno Unito, il Governo stanzia 50 milioni di sterline per i campi di periferia

Andrea Gigante
Il Primo Ministro britannico Boris Johnson
Il Primo Ministro britannico Boris Johnson / WPA Pool/Getty Images
facebooktwitterreddit

Con un comunicato stampa, il Governo Britannico ha confermato un investimento da 50 milioni di sterline per migliorare le condizioni dei campi utilizzati nel calcio amatoriale e dilettantistico. L'obiettivo, si legge sulla nota, è quello di dar seguito all'entusiasmo che Euro 2020 e Women's Euro 2020 hanno suscitato in tutti i ragazzi che ora vogliono dedicarsi a questo sport.

Il finanziamento partirà solo nel 2022 e vedrà per protagoniste le periferie più degradate del Regno Unito. Secondo Sport England, il 40% delle squadre di calcio amatoriali situate in Inghilterra si trova nel 20% delle comunità più svantaggiate; per far crescere l'intero movimento del football è bene allora che tutti possano accedere a strutture e impianti di qualità.

A questo proposito, il Governo Britannico, affiancato dalla Football Association e dalla Premier League, si impegnerà a costruire 185 nuovi campi artificiali con erba sintetica di 3ª generazione, a migliorare 5.000 campi già esistenti e nel creare 9 siti "hub" con più campi.

Il segretario alla Cultura Oliver Dowden ha commentato così la decisione:

"Sulla scia dell'entusiasmo portato dai Tre Leoni e mentre cresce l'attesa per gli Europei femminili del prossimo anno, vogliamo cogliere l'attimo e costruire i campi per un decennio d'oro del calcio. Questo investimento fornirà le migliori strutture per i Kane, gli Sterling e gli Houghton di domani, per affinare le loro abilità".

Inoltre, la decisione è stata presa tenendo in considerazione la diminuzione dell'attività sportiva provocata dalle limitazioni attuate per contenere la pandemia da Covid-19. Infatti, l'amministratore delegato dell'FA Mark Bullingham ha dichiarato che:

"Questo finanziamento svolgerà anche un ruolo importante nell'aiutare a riattivare le persone e a migliorare la salute mentale e fisica della nazione man mano che le restrizioni di blocco vengono revocate".

Sul comunicato si legge che: "Questo investimento di 50 milioni di sterline è un ulteriore passo avanti per garantire che tutti si trovino a una media di 15 minuti da un campo di calcio di alta qualità entro il Mondiale del 2030". Il piano del Governo, della FA e della Premier League è decisamente ambizioso, ma con finanziamenti del genere sembra alla portata.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit