Milan

RedBird punta ad un Milan 'media company': pronti i rinnovi con due sponsor

Stefano Bertocchi
La maglia del Milan
La maglia del Milan / Giuseppe Bellini/GettyImages
facebooktwitterreddit

Se RedBird vuole portare ancora più in alto il Milan i soldi dello scudetto e della Champions non sono sufficienti. Tradotto, occorre poter contare su determinate certezze alla voce ricavi. Partendo da questo concetto, La Gazzetta dello Sport analizza le possibili mosse del nuovo proprietario del Diavolo, che oltre al tema dello stadio di proprietà di concentrerà anche sugli sponsor. Tanto che per il Milan del nuovo corso si parla di media company.

Olivier Giroud, Zlatan Ibrahimovic, Sandro Tonali, Davide Calabria, Ante Rebic, Brahim Diaz, Luigi De Siervo
Il Milan festeggia lo scudetto / Jonathan Moscrop/GettyImages

Il primo passo del fondo sarà proprio quello di rinnovare i contratti con i due top sponsor Emirates e Puma, che riguardano direttamente la divisa indossata dai calciatori in campo. L'intenzione è di seguire in un certo senso la strada tracciata da Elliott: negli ultimi due anni sono state 27 le operazioni tra nuovi sponsor e rinnovo dei vecchi accordi.

L’ultimo arrivato è Konami, società leader nel gaming che entrerà nella lista dei Principal Partner del club a partire da inizio luglio in qualità di primo Official Training Wear Partner. "L’accordo precedente - ricorda la rosea - risaliva a febbraio e vede coinvolta Wefox, società tedesca di assicurazioni digitali, ovvero il primo sponsor sul retro della maglia nella storia del club rossonero. Wefox si è unito alla famiglia Premium con Puma, Emirates e BitMex (in questo caso primo sponsor di manica)".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit