Quale futuro meriterebbe Handanovic?

Giovanni Benvenuto
Samir Handanovic
Samir Handanovic / Jonathan Moscrop/GettyImages
facebooktwitterreddit

Le ultime prestazioni di André Onana con la maglia dell'Inter hanno fatto subito cambiare idea all'allenatore nerazzurro Simone Inzaghi. Il tecnico ex Lazio ha deciso di affidare la porta al camerunese, con che ha scavalcato nelle gerarchie Samir Handanovic. L'estremo difensore sloveno - ormai - sembra essere relegato in panchina ma nonostante ciò non si placano le voci sul suo prossimo ruolo nell'Inter.

Molti sembrano essere un po' scettici sull'utilità del portiere ex Udinese nel club nerazzurro, ma in più di un'occasione sia Inzaghi che il resto del gruppo hanno spezzato una lancia nei suoi confronti etichettandolo come un "perfetto uomo spogliatoio". Uno che dà una mano, uno che fa sentire la propria voce, uno che riesce a tenere coeso il gruppo anche da bordocampo. L'Inter, però, si sta guardando attorno per il vice-Onana: Sommer e Bayindir le idee per la prossima stagione, ma siamo davvero sicuri che Handanovic non meriti una seconda chance oppure un ruolo chiave?

Samir Handanovic
Samir Handanovic / Jonathan Moscrop/GettyImages

È vero: nelle uscite con l'Inter, Handanovic ha deluso le aspettative e per questo motivo Inzaghi non ci ha pensato due volte a schierare Onana a partire dalla gara di Serie A col Sassuolo. Tralasciando questa scelta (comprensibile), Handanovic comunque ha dato il suo contributo seppur rimanendo fuori dal campo. Un esempio lampante? La gara contro la Fiorentina. Nonostante la non titolarità, Handanovic ha accettato il posto in panchina incoraggiando la squadra fino alla fine di un match da cardiopalma.

"Lui è ancora il nostro capitano", ha affermato poi Inzaghi nel post-partita, segno evidente di come il portiere sia ancora legato alla causa e alla squadra nonostante la sua momentanea posizione marginale. Un altro fatto dato ormai per scontato è che Onana ha portato un po' di freschezza tra i pali: i tifosi non si lamentano più di un Handanovic con la "parata laser" (espressione pungente ma scherzosa nell'etichettare i mancati interventi), con le gerarchie che adesso sembrano cambiate e con il club che - come sottolineato in precedenza - guarda già al futuro.

Handanovic rimarrà sempre nei cuori nerazzurri, ma in questo caso bisogna pensare all'Inter che verrà, magari strizzando l'occhio all'idea Bayindir anziché ricorrere alla soluzione low cost targata Sommer. Tutto questo però offrendo all'attuale numero uno interista almeno un ruolo chiave nella squadra, non solo per lui ma soprattutto per mostrare un po' di riconoscenza.

Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit