Juventus

Pugno di ferro Allegri. Furia Max contro la squadra: cosa ha detto dopo Udinese-Juve

Antonio Parrotto
Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri / Quality Sport Images/Getty Images
facebooktwitterreddit

Non è volato il cappotto come nell'epica sfida tra Carpi e Juventus nel 2015 ma solo perché è estate e fa caldo. A Udine, dopo il pari per 2-2 della Juventus, sono volate però le urla del tecnico Massimiliano Allegri.

Le distrazioni di Udine non sono andate giù al tecnico che nel suo secondo mandato bianconero è un po' più sergente. Il tecnico bianconero non ha digerito il pareggio subito in rimonta dall'Udinese. Sa benissimo - da grande calcolatore qual è - quanto pesino i punti in provincia per la vittoria dello Scudetto.

Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri / Quality Sport Images/Getty Images

Max ha visto la sua Juventus meno concentrata, meno sul pezzo, meno cattiva di quanto la volesse. La squadra lo sa, perché tra domenica e ieri (quando c’è stata una seduta defaticante) il tecnico ha avuto modo di esprimere il suo disappunto, per quanto abbia anche apprezzato molti aspetti della prestazione della Dacia Arena. Stando a quanto riferito da Tuttosport, il tecnico ha espresso i concetti del post-partita in maniera chiara e più diretta ai suoi ragazzi. C’è un altro elemento da tenere presente. Ed è l’approccio con il quale Allegri è arrivato a Torino per il suo secondo mandato. L'allenatore deve ripristinare una certa disciplina all'interno del gruppo che poi si riversa in campo.


Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

facebooktwitterreddit