Premier League

Problemi per il Manchester City: una mail svela accordi di sponsorizzazione gonfiati?

Antonio Parrotto
Pep Guardiola
Pep Guardiola / MB Media/Getty Images
facebooktwitterreddit

Il Manchester City e il Fair Play Finanziario: un argomento sempre delicato e spesso controverso. Arrivano delle novità importanti, direttamente dal Daily Mail. Si parla di possibili accordi di sponsorizzazione gonfiati per aggirare i divieti del FPF voluto dalla UEFA.

Da uno scambio di mail tra un dirigente del team sponsorizzazioni di Etihad Airway ad un responsabile commerciale operante nel settore 'partnership' del club inglese si evincono delle discrepanze e dei possibili movimenti sospetti.

Pep Guardiola
Pep Guardiola / Marc Atkins/Getty Images

"Caro [Xxx] … (i nomi sono stati estromessi per privacy dal quotidiano inglese, ndr)sembra esserci un po’ di confusione su un saldo in sospeso della quota di sponsorizzazione per la stagione 2010/11. Come sapete l’impegno di Etihad è di 4 milioni di sterline e il saldo residuo (8 milioni di sterline) è gestito separatamente dall’Executive Affairs Authority degli Emirati Arabi Uniti. Vi chiedo di chiarire questo punto al vostro reparto contabilità e confrontarvi direttamente con l’EAA a tempo debito. Cordiali saluti". Dunque, il City avrebbe inviato una fattura a Etihad da 12 milioni. Sul documento sarebbe presente un'annotazione a penna che riguarda l'effettivo versamento di Etihad, da 4 milioni. La parte restante sarebbe stata versata da EAA,l'Executive Affairs Authority, ovvero "un’agenzia governativa specializzata incaricata di fornire consulenza politica strategica al presidente del Consiglio esecutivo di Abu Dhabi, Sua Altezza lo sceicco Mohamed bin Zayed Al Nahyan, principe ereditario di Abu Dhabi e vice comandante supremo delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti". City di nuovo nel mirino per i movimenti sospetti sul fronte Fair Play Finanziario. Vedremo cosa accadrà.


Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Premier League.

facebooktwitterreddit