Milan

Presidente Tolosa: "RedBird non specula. Sì alle cessioni, ma con investimenti"

Alessio Eremita
Damien Comolli
Damien Comolli / LIONEL BONAVENTURE/GettyImages
facebooktwitterreddit

Damien Comolli ha svelato le strategie di RedBird Capital, fondo statunitense che nei mesi scorsi ha acquistato il Milan ed è attualmente proprietario del Tolosa. Ecco le dichiarazioni rilasciate dal presidente della società francese ai microfoni di ActuFoot Tolosa.

STRATEGIE - "Fin dall’inizio abbiamo dimostrato perché siamo venuti.Tutto il denaro che il club guadagna viene reinvestito in trasferimenti, nel monte ingaggi o nelle infrastrutture. Stiamo investendo un milione di euro nella costruzione del centro di formazione con i soldi che ricaviamo dai trasferimenti. Sono stati investiti molti soldi in un nuovo centro di prestazioni per la squadra. RedBird significa lungo termine, non speculazione, e non si è mai trattato di questo".

FBL-ITA-SERIEA-AC-MILAN
Casa Milan / MARCO BERTORELLO/GettyImages

INVESTIMENTI - "Abbiamo anche detto che se avessimo guadagnato soldi, sarebbero stati reinvestiti. I fatti valgono più delle parole. Non siamo qui per vendere giocatori, siamo qui per investire nel club, per farlo crescere e arrivare il più in alto possibile.Se un giocatore non vuole prolungare il suo contratto, saremo obbligati a venderlo. E se riceviamo un’offerta che riteniamo superiore al prezzo di mercato e che possiamo reinvestire per migliorare la squadra, lo faremo sempre.È sempre con l’obiettivo di migliorare, non con l’obiettivo di fare soldi a breve termine".

CLOSING MILAN - "Il periodo medio di controllo di una società da parte di RedBird è di 12 anni. Al momento pensiamo a quello che faremo tra 10 o 15 anni.Il closing del Milan è previsto per il 6 settembre. Avremo una visione migliore di ciò che accadrà dopo quella data. I due club saranno indipendenti. Una collaborazione? Non ne abbiamo parlato. Ma tutto è possibile"


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit