Pochi minuti? L'Inter crede comunque in Bellanova: in estate può arrivare la prova

Stefano Bertocchi
Raoul Bellanova
Raoul Bellanova / Alexander Hassenstein/GettyImages
facebooktwitterreddit

Tra le pagine della sua edizione odierna, La Gazzetta dello Sport insiste sul discorso dell'Inter ancora più italiana. Dopo aver fatto i nomi de vari Scalvini, Parisi, Baldanzi e Terracciano, tutti e quattro messi nel mirino, il quotidiano evidenzia che la tendenza di puntare su baby talenti è iniziata nella scorsa stagione con l’arrivo di Kristjan Asllani, che indossa pure la maglia della nazionale albanese ma che da quando ha due anni vive vicino a Prato: l'ex Empoli di fatto è italiano, se non di cittadinanza, almeno per quanto riguarda l'educazione al pallone e la formazione calcistica.

Raoul Bellanova
Raoul Bellanova / Marco Canoniero/GettyImages

Nel discorso dei giovani made in Italy rientra anche Raoul Bellanova, che sulla destra finora ha trovato poco spazio vista la presenza in rosa del più esperto Denzel Dumfries.

Secondo La Gazzetta dello Sport non è, diminuita la fiducia di chi ha investito sul terzino arrivato dal Cagliari, anche perché l’olandese la prossima estate potrebbe pure essere sacrificato sull’altare dei conti. "Nonostante i 209’ di Bellanova sparsi qua e là, il riscatto a 7 milioni da versare al Cagliari sarà la prova di questa politica", sentenzia la rosea.

facebooktwitterreddit