Milan

Pioli rivela: "Questo Milan è il più forte mai allenato. Torniamo in Champions League con entusiasmo"

Niccolò Mariotto
Stefano Pioli
Stefano Pioli / Nicolò Campo/Getty Images
facebooktwitterreddit

Stefano Pioli, allenatore del Milan, ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso dell'evento Campioni sotto le stelle ieri sera a Biella parlando dei rossoneri ma anche di tanto altro. Di seguito le sue parole.

Stefano Pioli
Stefano Pioli / Soccrates Images/Getty Images

GRANDE SQUADRA - "Il Milan di oggi, quello che sto allenando ora, è il più forte mai allenato. I giocatori sono cresciuti e ne sono consapevoli. Da un punto di vista individuale sono più forti".

LOTTA SCUDETTO - "In Italia sono tutte forti. Inter, Juventus, Roma, Napoli, Atalanta e Lazio, noi compresi. Le coppe porteranno via qualcosa a livello di energie ma dobbiamo pensare di poter vincere ogni partita. Poi vediamo dove riusciamo ad arrivare".

IBRA - "Con lui è facile andare d’accordo, siamo due persone dirette. Ci diciamo in faccia quello che pensiamo e come primo obiettivo abbiamo il bene comune della squadra. Quando si parte da una base così le cose vanno bene. Non temo confronti, discussioni o altro. Inoltre, anche se non lo ammetterà mai, è il primo a mettersi davanti a tutti e a prendersi le sue responsabilità. In più è simpatico, intelligente, ci ha fatto crescere. Darà ancora molto per il Milan".

GIROUD - "Lui e Ibra sono due grandi giocatori con caratteristiche diverse. Olivier è una presenza fissa in area, dà profondità, mentre Ibra è un regista offensivo. Gli piace toccare più palloni possibili. Quando saranno tutti e due al 100% possono giocare insieme".

KJAER EROE - "Il malore di Eriksen? Quello che ha fatto Simon non è una cosa da tutti i giorni. Non ho mai avuto dubbi sulle sue qualità umane ma devo dire che la sua lucidità mi ha colpito. Ho pensato al peggio, poi è stato un sollievo. Ne abbiamo parlato in passato, ora no, credo che per Kjaer sia meglio superare questo momento insieme al suo migliore amico".

LIVERPOOL - "Prima volta ad Anfield? Non lo sapevo, l'emozione sarà tanta. L’anno scorso abbiamo giocato a Manchester ed è stato bello ma senza tifosi ci ha fatto impressione. Contro i Reds sarà una sfida stimolante. Torniamo in Champions con entusiasmo, dobbiamo pensare alle gare difficili come grandi opportunità, perché se ne siamo convinti superiamo ogni ostacolo".


Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

facebooktwitterreddit