Milan

Pioli: "Dispiace per Origi. Contro la Dinamo Zagabria non è decisiva"

La redazione di 90min
Stefano Pioli
Stefano Pioli / Simone Arveda/GettyImages
facebooktwitterreddit

Una gara ogni tre giorni. Ritmo frenetico per il Milan, in attesa della prossima pausa per gli impegni delle nazionali. La squadra rossonera domani pomeriggio, alle ore 18:45, sarà impegnato nel match di Champions League contro la Dinamo Zagabria. Il pareggio contro il Salisburgo ha fatto suonare un piccolo campanello d'allarme e quello che sembrava un girone sulla carta semplice, rischia di complicarsi. Complice anche la vittoria all'esordio dei croati sul Chelsea. Per questo motivo al Meazza serve una vittoria per mettere la freccia e prendere il comando del girone. Come di consueto, alla vigilia del match il tecnico Stefano Pioli ha presentato la gara in conferenza stampa.

"Bisogna sempre fare risultato. Se giochiamo ad alto livello abbiamo ottime possibilità di vincere sia in Italia che in Europa. Ma dobbiamo giocare al massimo delle nostre potenzialità, su tutti i livelli del match: tecnico, tattico, mentale e anche di approccio. Ho sempre messo in campo il Milan migliore per vincere la partita. La squadra sta bene. Contro la Dinamo Zagabria giocheremo al meglio per vincere".

"La nostra ambizione è quella di dare il massimo in ogni partita. Contro la Dinamo Zagabria non è una partita decisiva ma è molto importante dopo il risultato della prima giornata. Lo sappiamo e l'abbiamo preparata bene".

"Siamo dispiaciuti per Origi. È forte e lo abbiamo voluto fortemente. Può succedere e mi auguro che dopo la sosta sia a disposizione.
Rafael Leao sta giocando ad un livello altissimo e deve continuare così. È lui il nostro punto di riferimento in attacco. Contro la Dinamo Zagabria avrà difficoltà diverse rispetto al match contro la Sampdoria. De Ketelaere può giocare anche da centravanti per far rifiatare Giroud ma il francese è contento di giocare sempre".

"Quello che è successo con il VAR è spiazzante. Difficile dare risposte".

"Un attaccante a gennaio? È ancora lontano. Può succedere di tutto e al momento non è una priorità. Sicuramente due assenze nello stesso reparto portano un po' di problemi ma ho altri giocatori utilizzabili in quella posizione, anche cambiando modo di giocare"

"La gara contro i croati è molto importante ma non è decisiva. L'anno scorso abbiamo avuto la possibilità di passare il turno pur vincendo solo la penultima gara. Sicuramente battere la Dinamo Zagabria è una grande occasione e sarà una partita difficile visto quello che abbiamo visto contro il Chelsea. In campionato sono abituati a dominare il campo e segnare tanto. In Champions League hanno giocato in maniera diversa, ripartendo. È una squadra difficile da affrontare"

"Non ci sarà spazio per la difesa a tre contro la Dinamo Zagabria, per la gara di domenica contro il Napoli ho qualcosa giorno in più per prepararla. Dest? È pronto per giocare dal primo minuto. dovrò fare delle scelte sia per i titolari sia per i cambi durante la partita".

facebooktwitterreddit