Milan

Pioli: "Il Milan è in fiducia. Noi primi? Ora la classifica non è veritiera"

Alessio Eremita
Stefano Pioli
Stefano Pioli / Marco Canoniero/GettyImages
facebooktwitterreddit

Stefano Pioli ha presentato in conferenza stampa il match di domani contro la Salernitana. Ecco le dichiarazioni rilasciate dall'allenatore del Milan.

SALERNITANA - "Ci sono più incognite del solito. Abbiamo avuto una settimana più incentrata sulle nostre situazioni perché il cambio di allenatore ci impedisce di capire come staranno in campo. Arrivano comunque da due risultati positivi, sarà una partita da affrontare con grande determinazione e concentrazione. Perotti e Ribery? Sono sempre stati giocatori di grande qualità, capaci di trovare la giocata vincente: andranno controllati bene. Per noi quella di domani è una partita importantissima, non una di secondo piano. Ho la disponibilità totale di tutti i giocatori, c'è grande voglia di mettersi in evidenza e di mettermi in difficoltà durante gli allenamenti. È su questo che dobbiamo insistere per tenere alto il livello".

SVOLTA NEL DERBY - "Ogni partita ha una lettura particolare: abbiamo capito che se giochiamo con continuità e che stiamo dentro la partita con la mentalità, anche soffrendo, abbiamo le carte in regola per cercare di vincerla. Dobbiamo avere questa consapevolezza, affrontando le partite con determinazione, attenzione e fiducia mettendo in campo le nostre qualità".

KESSIE E BRAHIM DIAZ - "Hanno caratteristiche diverse, quindi scelgo in primis rispetto alla condizione fisica e poi rispetto all'interpretazione della singola partita. Cercherà di schierare una squadra compatta, con energia e con qualità".

Rafael Leao
Milan / Marco Luzzani/GettyImages

CLASSIFICA - "La classifica non è veritiera, perché Inter e Atalanta devono recuperare le loro partite. Siamo concentrati su di noi. Le pressioni ci sono ed è un privilegio averle, significa che siamo saliti di livello e significa che anche la squadra può reggerle. Scudetto? Dobbiamo solo pensare a dare il massimo e il meglio. Serve grande convinzione nelle cose che facciamo dando il massimo delle nostre possibilità. Noi pensiamo di fare il massimo per vincere la prossima partita: è il nostro unico pensiero. Chiaramente vogliamo vincerle tutte per migliorare la classifica finale dell'anno scorso. Non è così importante con chi si vinceranno...".

IBRAHIMOVIC - "Sta sicuramente meglio, se non domani o domenica ricomincerà a correre e poi valuteremo la sua condizione. Non sappiamo ancora quando potrà rientrare in gruppo".

CONDIZIONE DELLA SQUADRA - "Nei miei giocatori vedo molta positività, molta fiducia e concentrazione. Sappiamo che la stagione è lunga e che dobbiamo spingere al massimo. Domani ci saranno diverse incognite, ma ci siamo preparati bene; in Italia si affrontano sempre sistemi di gioco diversi ma sappiamo come fare: conterà l'approccio e la qualità delle scelte che faremo. Per noi è normale dare il massimo giorno per giorno, i giocatori sanno che è così che possono mettermi in difficoltà. Non avremo tantissime partite, ma dopo la Salernitana ne avremo 3 in 10 giorni. Ci sarà come sempre spazio per tutti, tutti stanno bene e sono pronti".

KESSIE - "L'ho visto sereno e concentrato sul lavoro come lo è sempre stato. La situazione è positiva, ma parlo di tutto il gruppo: siamo molto compatti e coesi, sappiamo che dobbiamo dare il massimo e no ci sono assolutamente problemi".

Franck Kessie
Franck Kessie / Nicolò Campo/GettyImages

REBIC - "Sta meglio. Il minutaggio con la Samp lo ha aiutato, è entrato bene anche se gli è mancata la giocata vincente. È un giocatore molto importante per noi e ci darà il suo apporto".

INTER-LIVERPOOL - "Credo che sia stato un risultato netto, ma solamente nel risultato; l'Inter ha dimostrato di essere molto vicina a una delle squadre più forti d'Europa. In Italia bisogna avere tante idee: la differenza economica è veramente tanta, ma in tutto. Le inglesi sono le più forti, ma le italiane stanno crescendo bene".

MESSIAS IN CRESCITA - "La testa è buona in questo momento. Junior sta bene, mi aspetto tanto da lui e ha le qualità per determinare ancora in modo più decisivo e concreto la nostra fase offensiva".

BENNACER E KESSIE - "Sono centrocampisti completi, possono far bene entrambe le fasi. Bennacer ha una potenza esplosiva nei primi metri importante".

POCHI GOL DA CALCIO D'ANGOLO - "Lavorando e lo stiamo facendo. Serve più qualità e più precisione per chi va a calciare e tempi di attacco alla porta più convinti e precisi".

LAZETIC - "Appena arrivati i giocatori fanno dei test. Marko ha bisogno di un lavoro personalizzato, gli serve una settimana per rimettersi al pari della squadra. È un ragazzo interessante, ha belle caratteristiche, ma che dobbiamo ancora scoprire totalmente".

Marko Lazetic
Marko Lazetic / Marco Canoniero/GettyImages

DETRATTORI - "Rispetto tutte le opinioni, ma noi dobbiamo trovare convinzione nelle nostre qualità e nel nostro modo di fare".

COPPE EUROPEE OSTACOLO PER LA SERIE A- "Mancano 13 partite. Tutti sanno che ogni partita ha un peso specifico importante".

MILAN TRA LE PIU' FORTI D'EUTOPA - "No, perché non abbiamo passato i gironi. Le 16 squadre più forti d'Europa stanno giocando gli ottavi. Oggi siamo molto più forti rispetto a quando abbiamo affrontato l'inizio dei gironi di Champions League e mi sarebbe piaciuto affrontare adesso le prime partite di Champions. Sarà importante tornarci".

STATO D'ANIMO - "Sono preoccupato, cerco di stimolare i miei giocatori a dare il massimo per la prossima partita e il resto verrà di conseguenza".

SEGRETO PER TENERE ALTA LA CONCENTRAZIONE - "È dare il massimo per fare le scelte giuste. Non sapremo come giocheranno i nostri avversari e siamo obbligati ad affrontare la partita con molta lucidità".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit