Mondiali 2022

Perché la Russia è stata esclusa dal Mondiale in Qatar?

Giovanni Benvenuto
Russia
Russia / SOPA Images/GettyImages
facebooktwitterreddit

La nazionale russa sarà una delle illustri assenti dei Mondiali in Qatar, ma non per risultati sportivi bensì per l'invasione dell'Ucraina da parte delle truppe russe che ha portato all'esclusione della Russia dalle competizioni internazionali del 2022 e del 2023.

Quando è cominciata la guerra in Ucraina?

Il conflitto tra Russia e Ucraina esiste da molti anni. Nel 2014 la Russia ha annesso unilateralmente il territorio ucraino della penisola di Crimea e i territori ucraini di Donetsk e Lugansk, appartenenti alla regione del Donbas e con tendenze filo-russe, si sono autoproclamati Repubbliche.

Il 21 febbraio 2022 il gigante europeo ha riconosciuto entrambe le Repubbliche e ha inviato truppe nei due territori. Il giorno successivo, il Consiglio della Federazione Russa si è riunito e ha autorizzato all'unanimità il presidente Vladimir Putin a usare la forza militare al di fuori dei confini russi.

il 24 febbraio 2022 Putin annunciò l'inizio di una "operazione militare speciale in Ucraina", termine con cui la Russia ha soprannominato l'invasione. Quel giorno è iniziata la guerra. I missili russi hanno attaccato diverse città ucraine quando i soldati sono entrati nel paese.

Sanzioni alla Russia

Le reazioni in tutto il mondo all'invasione furono immediate e il calcio non era estraneo. La FIFA ha applicato le prime sanzioni alla Russia, tra cui il divieto di giocare qualsiasi competizione internazionale in territorio russo, costringendo il Paese a giocare lo spareggio di Coppa del Mondo in una sede neutrale, senza pubblico e senza simboli nazionali, o a giocare sotto il nome della Federazione calcistica russa.

"La FIFA desidera ribadire la sua condanna dell'uso della forza da parte della Russia nell'invasione dell'Ucraina. La violenza non è mai una soluzione e la FIFA esprime la sua più profonda solidarietà a tutti coloro che sono stati colpiti da ciò che sta accadendo in Ucraina. Chiediamo l'urgente ripristino della pace, e che il dialogo costruttivo cominci subito", ha espresso l'organo più alto del mondo del calcio.

Inoltre, la FIFA ha avvertito che insieme alla UEFA e al CIO potrebbero prendere la decisione di escludere la Russia da qualsiasi competizione internazionale. "C'è la possibilità che la Russia venga esclusa dagli spareggi di Coppa del Mondo e quindi dai Mondiali 2022".

Vladimir Putin non ha fatto un passo indietro e lunedì 28 febbraio la FIFA, supportata dalle sei confederazioni, ha adempiuto alla sua minaccia espellendo la Russia da tutte le competizioni internazionali, che dipendono da quest'istituzione, tra il 2022 e il 2023. Ciò significava quindi che la squadra russa è stata esclusa dagli spareggi europei per i Mondiali del Qatar a cui si era qualificata, con la Polonia che si è qualificata direttamente per la finale degli spareggi.

La UEFA e il CIO hanno supportato la FIFA e hanno anche deciso di escludere i club e gli atleti russi dalle loro competizioni. "A seguito delle decisioni iniziali prese dal Consiglio FIFA e dal Comitato Esecutivo UEFA, che prevedevano misure aggiuntive da adottare, FIFA e UEFA hanno deciso oggi congiuntamente che tutte le squadre russe, siano esse rappresentative nazionali o club di calcio, siano sospese dalla loro partecipazione in entrambe le competizioni FIFA e UEFA fino a nuovo avviso ", afferma la nota di entrambe le organizzazioni.

La Russia fa ricorso alle sanzioni

La Russia non ha accettato la sanzione e ha affidato la decisione al TAS, ma in un primo momento il 18 marzo il tribunale sportivo ha rifiutato di revocare le sanzioni imposte.

"La Federcalcio russa cerca di reintegrare tutte le squadre e i club russi per partecipare alle competizioni FIFA e UEFA. Ha presentato una domanda per sospendere l'esecuzione di ogni decisione presa", ha affermato l'organo con una nota.

Nonostante questo primo rifiuto, il processo era ancora aperto, in attesa di ulteriori approfondimenti fino a quando, il 30 marzo, la Federazione Russa ha ritirato il ricorso che aveva presentato contro FIFA, Uefa e CIO, e quindi sono rimaste le sanzioni contro squadre e atleti.

La nazionale russa è stata definitivamente esclusa dalla corsa per ottenere uno degli ultimi posti per il Mondiale in Qatar che si giocherà a breve.

In linea di principio le sanzioni contro squadre e atleti russi erano di due anni, 2022 e 2023, man mano che il conflitto continua vedremo se le organizzazioni sportive decideranno di prolungare la sanzione o se gli atleti e le squadre russe torneranno nelle competizioni internazionali nel 2024.

facebooktwitterreddit