Juventus

Perché la Juventus deve (necessariamente) rinnovare il contratto di Dybala

Giovanni Benvenuto
Paulo Dybala
Paulo Dybala / Jonathan Moscrop/GettyImages
facebooktwitterreddit

Facciamo un passo indietro tornando ad agosto, quando ancora una volta sono state posticipate le trattative per il rinnovo di Paulo Dybala con la Juventus. La notizia ha attivato una girandola di commenti sui social, specialmente tra i tifosi più accaniti con questi spaventati da un ipotetico addio dell'albiceleste alla Continassa.

Nonostante questo però si continua a lavorare sottotraccia per il prolungamento di contratto dell'argentino, che momentaneamente sembrerebbe l'unico in grado di fare la differenza nell'organico allenato da Massimiliano Allegri. Il gol segnato nell'ultimo match europeo casalingo contro lo Zenit ha lasciato tutti di stucco ma non per il gesto tecnico o per il mancino educato... bensì per l'esultanza alla Platini che ha riempito di gioia ogni tifoso presente all'Allianz Stadium e non.

Paulo Dybala
L'esultanza di Dybala / Marco Canoniero/GettyImages

Torniamo al punto fondamentale della questione: rinnovo Dybala, sì o no? Consideriamo che a parte Federico Chiesa la rosa bianconera sarebbe a corto d'alternative in attacco. È vero: c'è il ritorno gradito di Moise Kean, ma l'ex Everton e Psg non può trascinare assieme ad Alvaro Morata il gruppo. Per questo motivo la Juventus dovrebbe continuare ad affidarsi al suo numero dieci che - a parte i goal - ha sempre assicurato quel pizzico di fantasia e imprevedibilità dalla trequarti in su.

Altro dato da considerare, o meglio uno scenario da evitare? Un'altra partenza illustre, quasi un possibile Ronaldo-bis, che in questo caso porterebbe non solo malumori all'interno della tifoseria ma anche una distanza incolmabile in termini di appetibilità del club stesso (per ora alle prese con il "caso plusvalenze" che sembra essere sempre all'ordine del giorno).

Dybala percepisce un ingaggio succoso e la richiesta di un trattamento da top player fa storcere adesso il naso alla dirigenza date le finanze ridotte al lumicino. Soluzione? Vendere per blindare e non solo per comprare, in modo tale da non perdere quel fantasista che ha fatto - e continua a fare - le fortune del mosaico tattico di Allegri.

Continuare a mettere in standby il rinnovo potrebbe rivelarsi controproducente per la Juventus, dato che Dybala - in caso di separazione - farebbe gola a tantissimi top club europei, con le voci che in quel caso non si spegnerebbero subito data la tecnica e le caratteristiche del giocatore.

Il rigore sbagliato nella spedizione campana contro la Salernitana è ormai dimenticato, con i tifosi che auspicano adesso un'accelerazione repentina della firma in vista non solo di quest'anno alquanto complesso, ma anche in vista delle annate future. Per non perdere l'ottimismo... ma soprattutto per non perdere la Joya.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit