Roma

Paulo Dybala e la Roma: matrimonio vincente?

Francesco Castorani
Paulo Dybala
Paulo Dybala / Jonathan Moscrop/GettyImages
facebooktwitterreddit

Paulo Dybala lascerà la Juventus a parametro zero. Dopo più di un anno di contrattazioni, società e entourage del giocatore non sono giunti a un accordo per la permanenza del fantasista argentino che a Torino ha regalato ben sette stagioni. L'esplosione a Palermo, le prime difficoltà in bianconero, la maglia numero 21 e poi la 10, e la fascia spesso indossata nel suo ruolo di vicecapitano.

I numerosi infortuni e le ricadute per poi illuminare in notti di Champions come quella allo Stadium contro il Barça o nel primo post-covid da leader insieme a Ronaldo nello scudetto vinto da Maurizio Sarri. Dybala è un'occasione con un contratto costoso, un'occasione per i club che possono permettersi di puntare fortemente su di lui, di metterlo al centro del progetto tecnico negli anni più maturi della sua carriera.

FBL-ITA-SERIEA-UDINESE-JUVENTUS
FBL-ITA-SERIEA-UDINESE-JUVENTUS / MIGUEL MEDINA/GettyImages

Occasione Roma

Per i giallorossi Paulo Dybala sarebbe senza dubbio un'occasione. Dopo l'annuncio di José Mourinho sulla panchina della Roma, la maggior parte dei giallorossi sono rimasti stupefatti e in seguito entusiasti per l'arrivo di un tecnico con un Palmarés ricco che nella capitale non si vedeva dai tempi di Capello. Con il portoghese in panchina e il cammino in Conference, la Roma ha ricevuto un seguito e un amore fuori dal comune, realizzando il tutto esaurito nel ritorno con il Leicester e sfiorandolo in gare interne di campionato come Salernitana e Venezia.

Lo step successivo è alzare il livello. Accantonato l'entusiasmo, alla Roma resta un cammino in campionato abbastanza deludente che potrebbe vedere i giallorossi addirittura ottavi e fuori dalle coppe europee. La Conference ha tolto energie e punti, come ha precisato Mourinho nel prepartita dell'ultima gara, e una rosa limitata sia in qualità che in quantità non ha permesso al portoghese di affidarsi alle seconde linee reputate non all'altezza.

Jose Mourinho
AS Roma v Venezia FC - Serie A / Silvia Lore/GettyImages

Una maglia numero 10

AS Roma v SSC Napoli - Serie A
AS Roma v SSC Napoli - Serie A / Giuseppe Bellini/GettyImages

Una maglia che pesa. A Roma più che a Torino per l'impossibilità di rimpiazzare uno come Francesco Totti nel cuore dei tifosi e perché nell'ultimo decennio i campioni nella Capitale hanno fatto soltanto una sosta per poi volare verso altri Top Club. Dybala lo è, o forse lo è stato a tratti. A 29 anni è maturato dal punto di vista della leadership, ma forse ha perso la continuità che aveva cominciato a mostrare negli anni precedenti.

A Roma sarebbe la stella. Con Pellegrini in costante miglioramento e Tammy Abraham che regge da solo il peso dell'attacco, Paulo Dybala sarebbe quel nome che manca da tempo nella Capitale. Un calciatore che salta l'uomo, che rappresenta un pericolo costante se ha palla sul piede preferito nei 30 metri e che è capace di esaltare la folla. Lo è stato Zaniolo, ma ora non riesce più ad esserlo.

Tammy Abraham, Lorenzo Pellegrini
AS Roma v Leicester City: Semi Final Leg Two - UEFA Europa Conference League / Silvia Lore/GettyImages

Nel 3-4-2-1 o 3-5-1-1 con cui si è messo Mourinho negli ultimi mesi, Dybala sarebbe o la seconda punta o il trequartista di destra e occuperebbe proprio la posizione di Nicolò Zaniolo, mettendo il 22 giallorosso ai margini del progetto.

Nicolò Zaniolo
AS Roma v Venezia FC - Serie A / Silvia Lore/GettyImages

Non è tutto rose e fiori per i giallorossi però. Il 10 argentino ha un ingaggio altissimo che nessuno guadagna a Trigoria, un ingaggio difficile da promettere di questi tempi, visti anche gli onerosi contratti di Abraham e Mourinho. I Friedkin non pagherebbero il cartellino, ma il discorso legato alle commissioni degli agenti è quanto mai attuale ed è difficile che un calciatore di questa caratura arrivi a zero in un altro club.

A complicare e alzare l'ingaggio è una concorrenza che vedrebbe l'Inter di Inzaghi in corsa, una compagine senza dubbio di un livello più alto e con più frecce al suo arco per convingere l'argentino. La Champions League, una squadra già preparata a vincere il titolo e migliorare in Europa. Discorso che non si può duplicare per la situazione della Roma: se dovesse scegliere la Capitale, Paulo Dybala sposerebbe un progetto pronto a decollare, una situazione più comoda per provare a diventare la stella di una squadra in attesa di colmare il gap con le più forti d'Italia.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit