Primo Piano

Nessuna deroga per Italia-Svizzera: Olimpico al 75%. I motivi del no del CTS

Antonio Parrotto
Stadio Olimpico
Stadio Olimpico / Paolo Bruno/GettyImages
facebooktwitterreddit

Brutte notizie per il calcio italiano e per il presidente Gabriele Gravina che sperava di ottenere il via libera dal CTS alla riapertura totale, dunque con il 100% della capienza, dello stadio Olimpico in vista di Italia-Svizzera.

"Stiamo attendendo l'evoluzione di questa pandemia e aspettiamo che qualcuno dia l'ok al Sottosegretario Vezzali per provare, in via sperimentale, a portare la capienza dello Stadio Olimpico al 100%" aveva detto proprio il presidente della FIGC Gravina nelle scorse ore.

Gabriele Gravina
Gabriele Gravina / Vincenzo Lombardo/GettyImages

Secondo La Gazzetta dello Sport però è arrivato il no alla richiesta di deroga presentata dal Sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali per Italia-Svizzera. La Vezzali aveva chiesto il passaggio dal 75 al 100% della capienza in occasione del match decisivo contro gli elvetici ma il CTS ha dato parere negativo a causa del recente rialzo della curva dei contagi, ma anche la particolare situazione del Lazio, tra le regioni al momento più colpite dal Covid.

Il Comitato Tecnico Scientifico ha scelto ancora una volta la via della prudenza. All'Olimpico, in occasione della gara contro gli svizzeri, sono attesi circa 51mila spettatori che dovranno dare la spinta e la carica giusta alla Nazionale per strappare il pass per i prossimi Mondiali.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit