Serie A

Il Napoli rimonta la Juve con i regali di Szczesny e Kean: Natale anticipato al Maradona. Allegri a un punto

Antonio Parrotto
L'esultanza del Napoli
L'esultanza del Napoli / Maurizio Lagana/Getty Images
facebooktwitterreddit

Allo Stadio Maradona è andato in scena il big match tra Napoli e Juventus. Formazioni rimaneggiate, in particolare quella bianconera, a causa dei problemi con i sudamericani. Spalletti ha dovuto rinunciare, fra gli altri, a Demme per infortunio, lanciando dal 1' minuto Anguissa in mezzo al campo. In attacco invece Politano, Elmas e Insigne alle spalle di Osimhen, rientrato anzitempo dopo la vittoria del ricorso sulle 2 giornate di squalifica. Allegri ha scelto il 4-4-2 con De Sciglio e Pellegrini sulle fasce difensive, Bernardeschi e Rabiot sulle corsie esterne in mediana, Kulusevski a supporto dell'unica punta Alvaro Morata.

Frank Anguissa
Adrien Rabiot e Frank Anguissa / Maurizio Lagana/Getty Images

Buona partenza del Napoli che in pochi minuti colleziona tantissimi calci d'angolo e dopo 20 secondi ci prova con una spizzata di testa di Politano che sorprende Pellegrini ma la palla finisce alta. La Juve è compatta e quadrata, disegnata con un 4-4-2 con linee corte e prova ad andare in profondità e in ripartenza appena ne ha l'occasione. E al primo acuto passa. Errore di Manolas in disimpegno, Morata capisce tutto e aggancia il pallone, presentandosi solo davanti a Ospina e battendolo con un destro preciso. Il Napoli fa la partita ma la Juve sembra quella della miglior versione Allegriana: bassa, compatta, capace di soffrire. E a fine primo tempo la grande chance per lo 0-2: Insigne sbaglia un retropassaggio di testa. Kulusevski si fionda sulla sfera, anticipando Ospina, ma quest'ultimo neutralizza il destro dello svedese con un'ottima uscita.

Nella ripresa il castello bianconero cade a causa di un errore di Szczesny, l'ennesimo di questi ultimi mesi. Tiro a giro di Insigne, palla non trattenuta dal portiere e deviazione vincente di Politano per l'1-1. Gran secondo tempo della formazione azzurra che praticamente non soffre mai. Solo un pericolo, con un destro a fil di palo di McKennie poco dopo il pari. Meglio il Napoli ma la Juve sembra tenere. Fino all'86' quando Kean si presenta nel peggiore dei modi. Calcio d'angolo di Lozano, Kean in area devia la palla verso la sua porta, Szczesny respinge con una gran parata, ma su Koulibaly che non sbaglia il tap-in. Ma l'errore è tutto di Kean. Il Napoli vola a 9 punti. La Juve resta a un punto. Allegri ha tanto da lavorare. Bella vittoria per Spalletti, la seconda della storia contro la Juve.


Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

facebooktwitterreddit