Radja Nainggolan

Nainggolan: "Mourinho uomo giusto per la Roma. Mai litigato con Conte all'Inter"

Andrea Gigante
Radja Nainggolan
Radja Nainggolan / BSR Agency/GettyImages
facebooktwitterreddit

Quest'estate Radja Nainggolan ha fatto le valigie e ha detto addio alla Serie A, il campionato in cui è cresciuto e nel quale ha giocato con le maglie di Cagliari, Roma e Inter. Il belga, ormai 33 anni, ha fatto ritorno in patria e adesso prosegue la sua carriera con l'Anversa.

Sull'edizione odierna di La Repubblica, è presente una lunga intervista in cui Nainggolan tira le somme della sua esperienza italiana. Leggiamo le sue parole (fonte: calciomercato.com).

Radja Nainggolan
Radja Nainggolan / Giuseppe Bellini/GettyImages

Sul suo rapporto con l'Italia e il suo stile di vita:
"L'Italia mi manca, i miei amici, i ristoranti, la gente. Danneggiato dal mio stile di vita? Se uno fa tardi, beve, fuma una sigaretta, ai miei occhi non fa cose sbagliate. Poi in campo rendevo facile accettare tutto. Non mi sono mai preoccupato di cosa diceva la gente, tanti invece si nascondono. Di me si sa tutto perché esco e mi vedi nei locali, c'è chi beve più di me ma lo fa a casa e non lo sa nessuno". 

Chi è l'allenatore che ti ha dato di più?
"Spalletti: con lui, ho fatto il miglior anno della mia carriera, a livello di squadra e individuale. Ho visto la serie tv su Totti e ho pensato: l'unico che assomiglia davvero è quello che interpreta me. Gli altri zero, anche l'allenatore. Di vero c'era che a Bergamo, prima della partita, io Totti e Pjanic avevamo giocato fino a tardi. Ma non a carte, era un giochino sul computer. Però quella scena, con Spalletti che ci aspetta in corridoio è vera. Altre cose invece non le ricordavo.

Chi aveva ragione tra Spalletti e Totti?
"Sono neutrale. Totti non ha mai chiesto di giocare titolare, si sentiva preso in giro perché era il suo ultimo anno e giocava 5 minuti sul 2-0. Mi sentirei preso per il culo anche io. Ma non hanno mai litigato, o chissà cosa. Totti mi diceva che con lui aveva un rapporto splendido, si sentivano. Poi è finita, sì, ma il tecnico deve fare le sue scelte. Di giocatori di personalità ne avevamo un'infinità: Dzeko, Totti, De Rossi, Strootman, Salah, Alisson. Il rimpianto è aver fatto il record di punti e non aver vinto nulla".

Sullo scudetto vinto con l'Inter:
"Non calcolo lo scudetto con l'Inter, per me conta solo vincerlo da protagonista. Se avessi avuto fiducia avrei potuto fare tranquillamente il mio in quella squadra. Conte è un grandissimo allenatore, ma con lui non ho avuto possibilità. Non abbiamo mai litigato, però: quando mi volevano mandar via, me lo hanno detto. E chi dice le cose in faccia lo apprezzo di più. Mi voleva al Chelsea? Era il 2016, venne a Roma a parlarmi, mi disse "guarda, io voglio giocare così, così e mi servi tu". Già disse che voleva Lukaku. Ma pensavano guadagnassi meno: non avrei preso un euro di più, non era abbastanza per lasciare Roma".

Radja Nainggolan
Radja Nainggolan / Nicolò Campo/GettyImages

Sull'audio che girava su WhatsApp:
"Appena arrivato a Milano dissi che ero felice, ma che era più forte la delusione di essere andato via da Roma. E già non ero partito bene. Dopo il rigore sbagliato con la Lazio in Coppa Italia mi hanno iniziato a fischiare, mi sono venuti dubbi, è crollata la fiducia. Gli audio girati su WhatsApp erano fake news? No, no: ero io. Dicevo che volevo andar via, che volevo tornare perché non mi sentivo a mio agio. L'avevo mandato a un amico, ma sai Roma com'è, no? In un attimo lo avevano tutti. Dovevo saperlo, non sono stato molto intelligente, ma pazienza".

Su Nicolò Zaniolo:
"Zaniolo è un grandissimo calciatore, ma quando la squadra non gioca bene contro le grandi, e negli ultimi anni di queste partite ne ha vinte poche, anche lui non fa la differenza".

Mourinho è l'uomo giusto per la Roma?
"Penso sia una grande persona, i suoi calciatori mi dicevano che sa conquistarti solo col parlare. E dice le cose dirette. A volte ha uscite che possono far male ai giocatori: alcuni li puoi massacrare se dici che non sono all'altezza. Con altri, come me, funziona".

Sei deluso da come è andata con il Cagliari?
"Sento spesso Joao Pedro, Nandez, Pavoletti, mi dicono "dovevi essere qui". La società ha fatto altre scelte, ma se mi dici una cosa e non la rispetti, con me hai chiuso". 


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit