Mourinho: "Siamo stati squadra nonostante la stanchezza. Mercato? Ci manca qualcosa"

Omar Abo Arab
José Mourinho
José Mourinho / Anadolu Agency/Getty Images
facebooktwitterreddit

La Roma comincia bene la stagione vincendo 2-1 in casa del Trabzonspor nell'andata del turno preliminare di Conference League. José Mourinho ha commentato così ai microfoni di Sky Sport l'importante vittoria del "Senol Gunes".

Trabzonspor v AS Roma - UEFA Europa Conference League
Jose Mourinho / Anadolu Agency/Getty Images

Quanto è stata sofferta questa vittoria?
“L’avversario non è uno di Conference League, la gente pensava che fosse una partita facile, basta che guardate che altre sfide ci sono state in Champions League ed Europa League. La partita è stata molto difficile, il pubblico ha giocato questa partita e non è stato facile. La squadra è stata equilibrata, siamo stati solidi e messi bene in campo. Nella ripresa abbiamo avuto un problema fisico, non è stato facile ma siamo stati squadra. Giovedì parlerà lo stadio Olimpico, speriamo di arrivare alla fase a gironi” si legge su vocegiallorossa.it.

Quanto è contata la qualità?
“Devo parlare un po’ di tutti, anche di chi ha giocato poco come Perez e Mayoral, hanno tutti fatto il proprio compito. Abbiamo fatto pochi gol, abbiamo fatto tanti cross con Vina e Karsdorp, abbiamo avuto un piano di gioco che la gente ha seguito. Non abbiamo sempre fatto scelte esatte e ci sono stati errori tecnici, la squadra però mi è piaciuta dopo il gol subìto, siamo stati sempre squadra anche nella difficoltà e nella stanchezza. Il feeling con la squadra è sempre stato positivo”.

Trabzonspor v AS Roma - UEFA Europa Conference League
Shomurodov, in rete all'esordio / Anadolu Agency/Getty Images

Dormirete a Trigoria?
“Dormiremo a Trigoria, forse le fidanzate non saranno contente con me (ride, ndr). Stanotte arriveremo troppo tardi, dobbiamo recuperare e dormiremo a Trigoria”.

Può essere la stagione di Mourinho e regalare un sogno alla tifoseria giallorossa?
“Il sogno dei tifosi è il sogno di tutti i professionisti, non giochi a calcio solo per divertirti ma anche per vincere. Abbiamo finito a 29 punti dall’Inter, a 16-19 punti dal quarto posto e per due stagioni sesti/settimi. Le cose vanno costruite piano piano, il mercato è stato fantastico però non è stato pianificato tra l’infortunio di Spinazzola e l’uscita di Dzeko. Voglio dire che manca qualcosa e spero che possa arrivare in futuro, anche l'estate prossima. Sicuramente arriveranno anche sconfitte, però lavoriamo per pensare di vincere tutte le partite”.


Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

facebooktwitterreddit