Roma

Mourinho: "0-0 risultato giusto. I giocatori in tribuna? Per me è difficile perdonare"

Andrea Gigante
José Mourinho
José Mourinho / Silvia Lore/GettyImages
facebooktwitterreddit

Roma e Napoli giocano con grande intensità, ma il match dell'Olimpico finisce 0-0. Ecco le dichiarazioni postpartita di José Mourinho, intervenuto ai microfoni di DAZN:

FBL-ITA-SERIEA-ROMA-NAPOLI
José Mourinho / VINCENZO PINTO/GettyImages

È UN RISULTATO POSITIVO? - "È stata una grande partita, davvero di alto livello. Lo 0-0 è giusto, ma anche l'1-0 per noi o lo 0-1 per loro lo sarebbero stati. È stata una gara intensa, con i giocatori molto concentrati e rispettosi della forza degli avversari".

SULLA FASE DIFENSIVA - "I due terzini stanno migliorando. La copertura di Veretout e Cristante va molto bene: uno si sente sicuro ad uscire perché sa che l'altro è lì a coprirlo. Pellegrini oggi si è abbassato molto e abbiamo giocato col 4-4-2 senza palla. Ripeto, è stata una partita intensa; ho visto gente stanca perché ha lavorato tanto. Loro giocano davvero bene, è stata davvero dura oggi. Noi abbiamo avuto le nostre occasioni e loro altrettanto. Il fatto che sia stata intensa lo dimostrano i due cartellini rossi agli allenatori. Non so perché sono stato espulso, niente di speciale: io non ero d'accordo sulla decisione dell'arbitro e chiedevo la rimessa per la mia squadra. Ma ho la sensazione che il direttore di gara si sia comportato bene. Il risultato è giusto".

LA REAZIONE DOPO LA DEBACLE IN CONFERENCE LEAGUE - "Quando si fa una cag**a del genere, giocare ha un peso diverso e farlo col Napoli non è facile. La squadra ha cercato di vincere fino alla fine, ma come ho detto in conferenza, abbiamo dovuto rispettare la forza dell'avversario. Lo 0-0 non è un risultato emozionante, ma la partita è stata davvero logorante".

LA TRIBUNA DEI 5 GIOCATORI - "Mi hai fatto una domanda scomoda. Sono cose di spogliatoio, ma presentarsi a una partita così importante con una panchina piena di ragazzini è un messaggio importante. Ci sono risultati che restano impressi e questo lo porterò con me a lungo, per me è difficile perdonare. Ovviamente li reintegrerò in squadra".

LA ROMA HA FATTO MEGLIO COL NAPOLI O CON LA JUVE? - "Sono state due partite diverse: con la Juve abbiamo dominato di più, non abbiamo giocato in transizione perché i bianconeri si sono abbassati dopo il vantaggio; oggi abbiamo avuto più difficoltà nel costruire dal basso e abbiamo giocato in transizione. Con la Juve mi è piaciuta molto la personalità, oggi invece l'organizzazione e il modo in cui abbiamo gestito Osimhen. Entrambe le partite mi sono piaciute, anche se per motivi diversi. La squadra che ho mi piace molto, c'è del materiale su cui lavorare. Juve e Napoli sono due delle squadre più forti d'Italia e noi abbiamo giocato a viso aperto con entrambe".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit