Juventus

Allegri: "Noi meglio nel secondo tempo. Dybala? Il campo l'ha penalizzato"

Andrea Gigante
Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri / Jonathan Moscrop/GettyImages
facebooktwitterreddit

Tra Juventus e Milan termina 0-0. Dopo il triplice fischio, i giornalisti di DAZN hanno intercettato Massimiliano Allegri per chiedergli un parere a caldo sulla partita dei bianconeri. Di seguito le sue dichiarazioni.

Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri / Ciancaphoto Studio/GettyImages

Sulla partita di stasera:
"È stata una bella partita. Venivamo da tante partite, ma era importante non perdere. In caso di sconfitta saremmo andati a 10 punti e sarebbe stato un male. Negli ultimi 30 metri bisogna essere più lucidi perché sbagliamo sempre la misura. Stasera il campo non ci ha aiutati. Il pari è giusto, noi abbiamo fatto meglio nel secondo tempo, mentre nel primo avremmo potuto fare meglio in campo aperto. Abbiamo incontrato un buon Milan e rimanere a questa importanza è importante. Sono contento perché i ragazzi stanno giocando da squadra, sanno come comportarsi sia in fase difensiva sia in quella offensiva. Avremo voluto vincere, ma non ci siamo riusciti".

Si può fare un passo in più?
"Ho ereditato una squadra con Locatelli dentro e Ronaldo in meno. Le caratteristiche non sono cambiate. I giocatori sono migliorati molto. Su 12 partite per 8 volte non abbiamo subito gol; poi abbiamo fatto 4 gol a Roma, 4 in Coppa Italia...forse devo mettere Landucci in panchina. Crescerà la condizione di Dybala, Morata segnerà più gol, Kean ci darà una mano. Non dobbiamo essere presuntuosi. Dobbiamo arrivare tra le prime quattro, abbiamo recuperato tanti punti ma dobbiamo fare un passettino alla volta".

Sai dove potete arrivare?
"Oggi poteva succedere di tutto. Abbiamo tenuto il Milan a 7 punti. A febbraio abbiamo tre squadre che giocano allo stesso modo: Hellas, Atalanta e Torino. Speriamo di far bene subito alla prima per far bene anche alle altre. Poi vedremo".

Su Rugani:
"Le qualità non le cambi. L’ho trovato che non aveva quasi mai giocato dopo due anni, ma con più personalità e serenità. Si mette sempre a disposizione, stasera ha fatto una partita straordinaria. Ha fatto interventi da difensore vero, ha messo i piedi dove è difficile metterli. Sono contento per lui, è un ragazzo che merita”.

Su Dybala e le difficoltà a segnare della Juve:
"Ha fatto una buona partita. Aveva un problema come de Ligt, ma l’ho buttato dentro comunque. Questo campo qui ha penalizzato tutti i giocatori tecnici. Noi arriviamo in avanti, poi però sbagliamo. Ultimamente abbiamo fatto gol. Federico ci manca ed è un giocatore che fa degli strappi. Ora abbiamo Bernardeschi, Kulusevski e Aké che si allena stabilmente con noi.".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit