Milan

Da Ibra a Romagnoli, da Donnarumma a Calhanoglu: Milan, i rinnovi sono un paradosso

Omar Abo Arab
Il gruppo Milan
Il gruppo Milan / Jonathan Moscrop/Getty Images
facebooktwitterreddit

La rosa del Milan ha tante spine. E ognuna di queste ha un nome. Hakan Calhanoglu, Gianluigi Donnarumma, Zlatan Ibrahimovic, Franck Kessié, Alessio Romagnoli: tutti calciatori con un contratto da rinnovare, a cui aggiungere un calciatore da riscattare assolutamente come Fikayo Tomori. Tornando alle questioni rinnovi, però, le telenovele continuano ad andare troppo per le lunghe.

Gianluigi Donnarumma
Gianluigi Donnarumma / Giuseppe Bellini/Getty Images

Tra chi ha il contratto in scadenza il prossimo giugno c'è Donnarumma, senz'altro la priorità assoluta della dirigenza rossonera. Il portiere (o meglio il suo agente Mino Raiola), al momento, non ha ancora detto sì alla proposta da 8 milioni di euro. Un'offerta, quella del club rossonero, che rappresenta un controsenso se si pensa ai 7 milioni di euro che verranno garantiti - la firma è vicinissima - ad un Ibrahimovic che si appresta a varcare la soglia dei 40 anni. Subito dopo viene Hakan Calhanoglu, "protagonista" di una stagione tra le più discontinue di sempre, con un solo gol su azione in stagione che non può valere una richiesta da 4 milioni di euro.

Parma Calcio v AC Milan - Serie A
Kessie e Calhanoglu / MB Media/Getty Images

Calciomercato.com ricorda che c'è anche la questione Franck Kessie, tra i migliori della squadra di Stefano Pioli, che aspetta di vedere adeguato il suo contratto in scadenza a giugno 2022. Stesso discorso di Alessio Romagnoli, che è stato scavalcato da Tomori nelle gerarchie difensive. E come il turco potrebbe essere ceduto al miglior differente per provare a dare l'assalto decisivo al centrale in prestito dal Chelsea che in molti credono possa diventare il nuovo Thiago Silva.


Segui 90min su Instagram

facebooktwitterreddit