Serie A

Milan-Hellas Verona 3-2: grande rimonta per gli uomini di Pioli

Andrea Gigante
Olivier Giroud
Olivier Giroud / MARCO BERTORELLO/GettyImages
facebooktwitterreddit

Prova di grande carattere per il Milan. Contro l'Hellas Verona, rossoneri vanno sotto di due gol, ma nella ripresa ribalta il risultato e portano a casa i tre punti. I ragazzi di Pioli sono in testa alla classifica almeno per una notte. Ecco la cronaca della partita:

FBL-ITA-SERIEA-AC MILAN-VERONA
Il rigore di Kessié / MARCO BERTORELLO/GettyImages

Il primo tempo di Milan-Hellas Verona

La partita inizia con un po' di ritardo a causa di alcuni problemi nel microfono del direttore di gara. L'Hellas parte forte e, dopo qualche tentativo verso la porta, si porta in vantaggio: Veloso è bravo a fiondarsi su una seconda palla e dal limite imbuca di testa per Caprari che sottomisura non può sbagliare: è 0-1 Hellas.

I rossoneri provano a reagire ed è soprattutto Rebic a prendersi sulle spalle la squadra; tuttavia, non producono niente di concreto. Invece i ragazzi di Tudor si rivelano micidiali in ripartenza. Al 20' Ballo-Touré sbaglia un passaggio e i gialloblù ripartono; la palla arriva a Caprari che aspetta la sovrapposizione di Lazovic. Il serbo serve in area Kalinic che mette il corpo davanti al pallone e si fa travolgere da Romagnoli: è rigore. Dal dischetto si presenta Barak; Tatarusanu intuisce l'angolo ma niente può: l'Hellas va avanti di due reti a San Siro.

Al 36' Rebic è costretto a uscire a causa di uno stiramento; al suo posto entra Leao che prova subito a conferire fantasia alla manovra offensiva rossonera. Il Milan prova a rendersi pericoloso, ma Montipò non effettua alcun intervento. Il primo tempo finisce con l'Hellas in vantaggio 0-2.

Il secondo tempo di Milan-Hellas Verona

Nella ripresa Stefano Pioli inserisce Krunic e Castillejo per provare a rimontare. Il Milan inizia attaccando a testa bassa e, dopo appena 3 minuti, chiede un calcio di rigore per un presunto tocco di mano. Tuttavia, l'arbitro si consulta col VAR e fa proseguire. I rossoneri hanno un altro atteggiamento e al 59' dimezzano lo svantaggio. Leao si sbarazza di Casale e Faraoni sulla sinistra e mette un pallone preciso sulla testa di Giroud: è 1-2.

A venti minuti dalla fine ogni schema sembra essere saltato. Barak si fa respingere un tiro da buona posizione, facendo scattare la ripartenza dei rossoneri. Leao prende palla sulla sinistra, si accentra e fa partire un tiro a giro che finisce di poco fuori. Il Milan insiste e al 73' guadagna un calcio di rigore; a propiziarlo è sempre l'esterno portoghese che dalla lunetta serve Castillejo. Lo spagnolo viene tamponato da Faraoni in area e l'arbitro indica subito il dischetto. Kessié è freddo dagli 11 metri e spiazza il portiere: è 2-2.

Non passano nemmeno 5 minuti e il Milan chiude la rimonta. Stavolta, Pioli deve ringraziare Gunter, protagonista di un autogol sciagurato su un cross non irresistibile di Castillejo. Nei minuti di recupero l'Hellas cerca disperatamente il pareggio, ma si deve arrendere agli interventi di Tatarusanu. Dopo 5' minuti oltre il novantesimo, l'arbitro fischia tre volte: è 3-2 per i rossoneri.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit