PSG

Messi: "Barça? Addio difficile, il PSG mi ha sedotto". Poi la rivelazione su Mbappé

Omar Abo Arab
Lionel Messi
Lionel Messi / ANP Sport/GettyImages
facebooktwitterreddit

È stata un'estate di grandi emozioni per Lionel Messi, tra il clamoroso addio al Barcellona e l'approdo al Paris Saint-Germain, passando per la Copa America vinta con l'Argentina. La Pulga ne ha parlato in una lunga intervista rilasciata a France Football, che tra l'altro l'ha messo come al solito in lizza per il suo Pallone d'Oro.

L'addio al Barcellona e l'arrivo al PSG, il Pallone d'Oro, la Copa America e non solo: c'è tutto nella lunga intervista concessa da Lionel Messi a France Football, le sue dichiarazioni.

Lionel Messi
Le lacrime di Messi nella conferenza d'addio al Barcellona / Eric Alonso/GettyImages

ADDIO AL BARCELLONA - "Non me l'aspettavo affatto. Avevo in mente di firmare il contratto e riprendere subito gli allenamenti. Pensavo che tutto fosse sistemato e che mancava solo la mia sigla (nel contratto). Ma, quando sono arrivato a Barcellona, ​​​​mi hanno detto che non era più possibile, che non potevo restare e che dovevo cercarmi un altro club, perché il Barça non aveva i mezzi per rinnovare il mio contratto. Ha cambiato i miei piani. E' stato estremamente difficile da accettare. Pensare che saremmo dovuti uscire di casa e che la famiglia avrebbe dovuto stravolgere la propria routine. I bambini avrebbero dovuto cambiare scuola e accompagnarci in una nuova posto. Era la prima volta che mi succedeva questo nella mia carriera. Avevo deciso, e anche la mia famiglia, che avrei finito la mia carriera a Barcellona. È stato molto difficile, ma siamo riusciti a superare questa prova insieme. Tante cose mi sono passate per la mente, ma non ho avuto altra scelta che partire" le parole di Messi riportate da calciomercato.com.

PSG - "Ho iniziato a pensare al mio futuro e il Paris Saint-Germain mi ha offerto l'opportunità di unirmi a loro. Ho ricevuto altre proposte, ma devo ammettere che siamo arrivati ad un accordo abbastanza velocemente. Non è stato facile perché tutto doveva essere sistemato in poco tempo, praticamente da un giorno all'altro, quando era un'operazione molto difficile da portare a termine viste le circostanze. Ovviamente sono stato sedotto dal progetto, dalle ambizioni del società, i giocatori a sua disposizione, il gruppo... Tutti questi elementi hanno reso più facile raggiungere rapidamente un accordo".

Lionel Messi, Leo Messi
Messi in azione contro il Rennes / John Berry/GettyImages

AMICI- "Quella è stata una parte importante quando ho dovuto prendere la mia decisione, perché sapevo che sarei approdato in un nuovo paese e dovevo ricominciare da zero. Sapere che avevo amici nello spogliatoio mi ha permesso di dire a me stesso che le cose sarebbero più facili. Durante la Copa América mi hanno chiesto regolarmente quando mi sarei unito a loro, ma sempre per scherzo, perché sapevano che la mia l'idea era quella di restare a Barcellona. È stata una sorpresa per loro quando ho detto loro che sarei venuto a Parigi".

CHAMPIONS LEAGUE - "Qui è il sogno di tutti. Il club lavora per questo obiettivo da qualche anno e ultimamente ci è andato vicino. Da un punto di vista personale è lo stesso, mi piacerebbe vincere la Champions League, come ho detto quando ero ancora a Barcellona, ​​perché è una competizione molto bella, molto difficile da vincere, ma penso che questo gruppo di giocatori abbia le armi per vincere questa titolo. È vero che il centro dell'attenzione è sul PSG, ma ci sono altre squadre molto forti, come il Chelsea, le due squadre di Manchester (United e City), il Real Madrid, che risponde sempre, Inter, Bayern. Sono tutte grandi squadre. Abbiamo grandi individualità, ma dobbiamo ancora conoscerci bene per formare una squadra. Per vincere titoli importanti devi giocare di squadra. Questo è quello che mi fa dire che siamo ancora un passo indietro rispetto a tutti questi club, che hanno più esperienza collettiva di noi".

PALLONE D'ORO- "No, non mi sento favorito e non mi è mai piaciuto parlarne fino al risultato. Se succedesse sarebbe fantastico vincerne un altro. È già eccezionale avere sei giocatori ed essere l'unico giocatore in questo caso. Vincere il settimo sarebbe incredibile. Quest'estate ho vinto il titolo che mancava ed è stato l'apice. Poi, se vincerò un nuovo Pallone d'Oro, sarò molto felice e molto grato, ma non ci voglio pensare. Rivali? Nella mia squadra ce ne sono almeno due per i quali voterei sicuramente: 'Ney' e Kylian. E poi, Lewandowski, che arriva da un grande anno. C'è anche Benzema, che è stato straordinario. Sappiamo che i titoli sono importanti: la Champions League, gli Europei e la Copa America senza dubbio possono pesare nella votazione".

Lionel Messi, Neymar, Kylian Mbappe
Messi, Mbappé e Neymar / Matthias Hangst/GettyImages

MBAPPE'- "Con un giocatore come lui è facile andare d'accordo. Inoltre Kylian parla uno spagnolo perfetto. Rende le cose più facili. Trattativa con il Real Madrid? Ero appena arrivato, non lo conoscevo abbastanza bene per andare a parlargli di questo e dargli la mia opinione. Come tutti, ho aspettato di vedere cosa sarebbe successo. Ma, alla fine, è rimasto con noi e per me è una grande gioia. È un elemento in più a nostro favore per raggiungere i nostri obiettivi".

MSN O MNM- "Differenze? Per prima cosa l'età l'età! Eravamo giovani quando abbiamo iniziato a giocare insieme a 'Ney'. Oggi il giovane è Kylian. Luis (Suárez) e Mbappé Sono giocatori molto diversi. Luis è un 9 puro, centravanti puro, particolarmente efficiente in area e abituato a segnare tanti gol. Kylian ama toccare di più la palla. È un giocatore molto potente ed estremamente veloce, che ti uccide se gli dai spazio e segna anche tanto. Sono due giocatori spettacolari, ma con qualità molto diverse".

FBL-WC-2022-SAMERICA-QUALIFIERS-ARG-BOL
Messi con la Copa America vinta / JUAN IGNACIO RONCORONI/GettyImages

COPA AMERICA- "È stato assolutamente incredibile vincere questo titolo. È qualcosa che sognavo da tempo. Ho lottato per questo per anni. Ero stato molto vicino all'obiettivo in diverse occasioni e finalmente raggiungerlo, in Brasile, contro il Brasile, è stato davvero incredibile. È stato un sogno diventato realtà. È stato incredibile dirmi che ero finalmente riuscito a vincere un titolo con questa maglia. È stata una bellissima reunion con il popolo argentino. Tolto un peso dalle spalle? Avrei tenuto una strana sensazione dentro di me se avessi finito la mia carriera senza vincere un titolo con la mia Nazionale. Era il titolo che mi mancava. Non potevo mollare. È una liberazione. Per tutto il mondo. Ne avevo bisogno e penso che ne avessimo bisogno tutti. Gli argentini e anche il nostro calcio, dopo tanti anni di scarsità".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit