Opinioni

Male con Juve e Rangers, benissimo con il Galles: i motivi delle due facce di Ramsey

Francesco Castorani
Eintracht Frankfurt v Rangers FC - UEFA Europa League Final 2021/22
Eintracht Frankfurt v Rangers FC - UEFA Europa League Final 2021/22 / Craig Mercer/MB Media/GettyImages
facebooktwitterreddit

Non poteva scriversi storia peggiore per Aaron Ramsey che, di passaggio a Glasgow, ha deciso in negativo la finale dei Rangers. Una squadra che l'ha accolto a gennaio, impegnandosi in un ingaggio alto, speranzosa di ricevere un aiuto importante da un giocatore con la sua tecnica ed esperienza. Apporto che non è arrivato: soltanto due gol per il gallese a Premiership ormai praticamente decisa e lunghi periodi tra panchina e tribuna.

I rigori si sbagliano, e forse sono espedienti troppo crudeli per giudicare un'esperienza positiva o negativa che sia. Per una squadra della caratura dei Rangers però, giunta a un traguardo forse irripetibile nella sua storia quello sbagliato da Aaron Ramsey non sarà mai un calcio di rigore qualsiasi.

Rigore di difficile ricerca scovato dal giornalista Giuseppe Pastore e calciato in maniera quasi identica dal centrocampista gallese.

Ciò che stupisce però di Aaron Ramsey è la diversità di rendimento tra club e Nazionale. Il post-Arsenal del gallese è stato un calvario di infortuni e panchine che con i club non è ancora terminato. Giunto alla Juventus a parametro zero nell'estate del 2019, non ha mai trovato continuità né con Sarri, né con Pirlo e né con Allegri, che ha scelto anche di privarsene a stagione in corso.

Non fa parte del nuovo progetto bianconero e nonostante il contratto scada nel 2023, potrebbe partire già in estate (il gallese guadagna 7 milioni netti). Con la Juventus ha totalizzato 70 presenze e non si è mai trovato a suo agio, come palesato in un'intervista al Mirror l'estate scorsa.

Aaron Ramsey
SSC Napoli v Juventus - Serie A / Maurizio Lagana/GettyImages

"Le ultime due stagioni alla Juventus sono state complicate. Ci sono stati molti fattori e cambiamenti a cui non ero abituato. Ora ho la mia squadra costruita intorno a me che si concentra sulla mia forma fisica per farmi essere sempre al meglio. Il calcio è uno sport di squadra e molte volte tutti fanno le stesse cose, ma forse alcuni giocatori hanno bisogno di un po’ più attenzione"

Aaron Ramsey al Mirror

Wales, Golf, Club. Più o meno in quest'ordine. È un caso che Ramsey e Bale facciano parte della stessa Nazionale? Il centrocampista di proprietà della Juventus, così come il madridista, quando indossa la maglia del Galles si trasforma (o la fa quando gioca con i club?) e a sprazzi torna a illuminare come ai tempi dell'Arsenal. Non ha più quell'agilità e capacità fisica che gli consentivano di essere anche un centrocampista coast to coast, ma a 31 anni ha una maturità diversa che gli permetterebbe di influenzare l'inerzia delle partite.

Gareth Bale, Aaron Ramsey
Ramsey e Bale / Ryan Pierse/GettyImages

"Qui in Nazionale lo staff medico mi conosce da tanto tempo, da quando ero all’Arsenal. Mi capiscono, conoscono il mio corpo e sanno di cosa ho bisogno. Speriamo di poter dare il massimo, sto bene e non vedo l’ora che arrivi sabato"

Aaron Ramsey al Mirror

Nell'Europeo di quest'estate ha ben figurato segnando anche un gol decisivo alla Turchia, fondamentale per passare il girone. Nelle 4 gare di qualificazione ai mondiali che ha giocato tra ottobre e novembre ha segnato 3 gol e fornito 2 assist, con la fascia al braccio, per portare il Galles ai Playoff.

Aaron Ramsey
Aaron Ramsey / Aziz Karimov/GettyImages

Playoff iniziati con il successo per 2-1 sull'Austria in Semifinale ottenuto grazie alla doppietta di Gareth Bale e a un'ottima prestazione proprio di Aaron Ramsey. Il conflitto in corso tra Russia e Ucraina ha ritardato la Finale Playoff che si disputerà l'11 giugno a Cardiff tra Galles e la vincente di Scozia-Ucraina. Un appuntamento storico per il Galles, un'occasione per rilanciarsi per Aaron Ramsey.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit