Le probabili formazioni della 14ª giornata di Serie A

Davide Martini
Pioli e Inzaghi
Pioli e Inzaghi / Gabriele Maltinti/Getty Images
facebooktwitterreddit

Come ti ribalto in campionato in un pomeriggio e pure a ridosso di Natale. C'era tanta attesa per i turni ravvicinati di fine 2020 e i tanti scontri diretti in programma e invece ecco che la sorpresa arriva dalla Giustizia sportiva che ordina di far giocare Juventus-Napoli. La decisione inattesa spiazza i bianconeri, che incassano poco dopo la prima sconfitta in campionato e rischiano di precipitare rispetto a Milan e Inter proprio quando Pirlo sembrava aver trovato la chimica giusta. Brutto colpo pre-natalizio, che solo... Veona e Lazio potrebbero attutire fermando le prime due della classe attese da impegni tutt'altro che semplici e resi complicati in particolare per i rossoneri dalle tante assenze. Torna in gioco anche il Napoli, che però contro il Torino disperato dovrà in primo luogo scacciare la crisi.

1. Hellas Verona-Inter, ore 18.30

Giampiero Sposito/Getty Images

Hellas Verona

Scelte obbligate in attacco per Juric, privo di centravanti di ruolo: l’ex Salcedo punta unica di movimento, sulla trequarti torna Zaccagni e attenzione a Tameze variabile impazzita come contro la Lazio

3-4-2-1: Silvestri; Dawidowicz, Gunter, Ceccherini; Faraoni, Tameze, Veloso, Dimarco; Lazovic, Zaccagni; Salcedo. Indisponibili: Benassi, Vieira, Di Carmine, Favilli, Kalinic. Squalificati: nessuno. All.: I. Juric.

Inter

Young preferito a Perisic a sinistra, a destra Hakimi la spunta ancora su Darmian. Sensi parte nuovamente dalla panchina.

3-5-2: Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Vidal, Young; Lukaku, Martinez. Indisponibili: Vecino, Pinamonti, Sanchez. Squalificati: nessuno. All.: A. Conte.

2. Bologna-Atalanta, ore 20.45

Medel
Medel / Jonathan Moscrop/Getty Images

Bologna

Mihajlovic prova a dare solidità alla difesa arretrando Medel: Tomiyasu scala a sinistra, fuori Denswil. Poli e Orsolini sono pronti e scalpitano in panchina

4-2-3-1: Da Costa; De Silvestri, Danilo, Medel, Tomiyasu; Svanberg, Schouten; Vignato, Soriano, Barrow; Palacio. Indisponibili: F. Ravaglia, Skorupski, Hickey, Mbaye, Orsolini, Sansone, Santander, Skov Olsen. Squalificati: nessuno. All.: S. Mihajlovic.

Atalanta

Con Gomez out, sulla trequarti c’è ancora Pessina preferito a Malinovskyi. Di rincorsa anche Muriel.

3-4-2-1: Gollini; Toloi, Romero, Djimsiti; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens; Pessina, Ilicic; D. Zapata. Indisponibili: Caldara, Ruggeri, Pasalic. Squalificati: nessuno. All.: G. Gasperini.

3. Milan-Lazio, ore 20.45

Krunic
Krunic / Alessandro Sabattini/Getty Images

Milan

Krunic sostituto obbligato di Kessié al fianco di Tonali, per il resto confermata la formazione che ha battuto il Sassuolo con Calhanoglu trequartista di sinistra.

4-2-3-1: G. Donnarumma; Calabria, Kalulu, A. Romagnoli, Hernandez; Krunic, Tonali; Saelemaekers, Brahim Diaz, Calhanoglu; Leao. Indisponibili: Gabbia, Kjaer, Bennacer, Ibrahimovic. Squalificati: Kessié. All.: S. Pioli.

Lazio

Ancora out Leiva, in regia tocca nuovamente ad Escalante. Davanti si va verso la staffetta Caicedo-Correa. Seconda gara da ex consecutiva per Pepe Reina.

3-5-2: Reina; Luiz Felipe, Hoedt, P. Radu; Lazzari, Milinkovic-Savic, Escalante, Luis Alberto, Marusic; Immobile, Correa. Indisponibili: Acerbi, Fares, Lulic, Leiva, Parolo. Squalificati: nessuno. All.: S. Inzaghi.

4. Napoli-Torino, ore 20.45

Maksimovic
Maksimovic / Juan Manuel Serrano Arce/Getty Images

Napoli

Il rientro di Insigne tampona solo in parte l’emergenza in attacco, dove è fuori anche Lozano. Gattuso passa al centrocampo a tre con nuova esclusione di Fabian Ruiz. L’ex Maksimovic rileva Koulibaly.

4-3-3: Meret; Di Lorenzo, Manolas, Maksimovic, Ghoulam; Bakayoko, Demme, Zielinski; Politano, Petagna, L. Insigne. Indisponibili: Koulibaly, Lozano, Mertens, Osimhen. Squalificati: L. Insigne. All.: G. Gattuso.

Torino

Giampaolo torna alla difesa a quattro dove si rivede Nkoulou per lo squalificato Lyanco. Lukic ispiratore delle due punte, l’ex Verdi scalza Bonazzoli dal primo minuto.

3-5-2: V. Milinkovic-Savic; Izzo, Nkoulou, Bremer, Rodriguez; Meitè, Rincon, Linetty; Lukic; Belotti, Verdi. Indisponibili: Murru, Ansaldi, Millico. Squalificati: Lyanco. All.: M. Giampaolo.

5. Roma-Cagliari, ore 20.45

Calafiori
Calafiori / Silvia Lore/Getty Images

Roma

Prima da titolare in A per Calafiori al posto dell’acciaccato Spinazzola. A destra c’è Karsdorp, in porta nuovo cambio della guardia con ritorno di Lopez

3-4-2-1: Pau Lopez; Mancini, Smalling, Ibanez; Bruno Peres, Veretout, Lor. Pellegrini, Calafiori; Mkhitaryan, Pedro; Dzeko. Indisponibili: Spinazzola, Pastore, Zaniolo. Squalificati: nessuno. All.: P. Fonseca.

Cagliari

Marin torna titolare al posto di Oliva, unica novità rispetto alla formazione vista a Parma insieme al cambio al centro dell’attacco dove torna Simeone.

4-3-2-1: Cragno; Zappa, Godin, Walukiewicz, Lykogiannis; Marin, Rog; Nandez, Joao Pedro, Sottil; Simeone. Indisponibili: Aresti, Faragò, Klavan, Luvumbo. Squalificati: nessuno. All.: E. Di Francesco.

6. Sampdoria-Sassuolo, ore 20.45

Boga
Boga / Alessandro Sabattini/Getty Images

Sampdoria

Ranieri punta sul jolly Thorsby per tamponare le assenze dei due terzini destri titolari. Ancora panchina per Candreva, torna a disposizione Keita.

4-4-2: Audero; Thorsby, Yoshida, Tonelli, Augello; Jankto, Silva, Ekdal, Darmsgaard; Quagliarella, Ramirez. Indisponibili: A. Ferrari, Bereszynski, Gabbiadini. Squalificati: nessuno. All.: C. Ranieri.

Sassuolo

De Zerbi cambia dopo la sconfitta contro il Milan: quattro novità con il rientro di Chiriches in difesa, quello di Boga sulla trequarti e la coppia tutta nuova a centrocampo. Ancora panchina per Caputo.

4-2-3-1: Consigli; Toljan, Chiriches, G. Ferrari, Kyriakopoulos; Locatelli, Magnanelli; Berardi, Djuricic, Boga; Defrel. Indisponibili: Romagna, Schiappacasse, F. Ricci, Haraslin. Squalificati: nessuno. All.: R. De Zerbi.

7. Spezia-Genoa, ore 20.45

Criscito
Criscito / Jonathan Moscrop/Getty Images

Spezia

Dopo il turnover di San Siro Italiano cambia ancora la formazione: in difesa torna Chabot dopo la squalifica, a centrocampo Estevez e Pobega, in attacco Farias.

4-3-3: Provedel; Ferrer, Chabot, Terzi, S. Bastoni; Estevez, M. Ricci, Pobega; Gyasi, Nzola, Farias. Indisponibili: Zoet, Dell’Orco, Mattiello, Galabinov, Verde. Squalificati: nessuno. All.: V. Italiano.

Genoa

La prima del Ballardini-ter è subito all’insegna di un cambio di modulo: torna la difesa a tre, a sinistra torna Criscito, esce Pjaca a favore di Rovella. Davanti ancora la formula con doppio centravanti.

3-5-2: Perin; Goldaniga, Bani, Masiello; Ghiglione, Lerager, Sturaro, Rovella, Criscito; Shomurodov, Scamacca. Indisponibili: Marchetti, Biraschi, Lu. Pellegrini, C. Zapata, Cassata, Parigini. Squalificati: nessuno. All.: D. Ballardini.

8. Udinese-Benevento, ore 20.45

Lasagna
Lasagna / Enrico Locci/Getty Images

Udinese 

Gotti rinnova la fiducia a Lasagna a scapito di Deulofeu. A centrocampo turno di riposo per Arslan.

3-5-2: Musso; Becao, Bonifazi, Samir; Stryger-Larsen, De Paul, Walace, Pereyra, Zegeelar; Lasagna, Pussetto. Indisponibili: Nuytinck, Jajalo, Molina, Okaka. Squalificati: Arslan. All.: L. Gotti.  

Benevento

Chance per Foulon, titolare dopo quasi due mesi al posto di Tuia con Barba che scala in mezzo. In regia torna Schiattarella, davanti Inzaghi sceglie di rinunciare in avvio a Improta e Sau, pronti a subentrare.

4-3-2-1: Montipò; Letizia, Glik, Barba, Foulon; Hetemaj, Schiattarella, Dabo; R. Insigne, Caprari; Lapadula. Indisponibili: Caldirola, Maggio, Iago Falque. Squalificati: Schiattarella. All.: F. Inzaghi.

facebooktwitterreddit